fbpx

Andrea Silvestri, castiglionese doc, è ambasciatore in Macedonia del Nord da ottobre 2020. Dopo la laurea in Scienze politiche, indirizzo Politico internazionale, nel 1993 inizia la sua attività diplomatica, occupandosi di cooperazione e sviluppo. Dal ‘96 al ‘99 è Primo Segretario Economico e Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Costa D’Avorio. Tornato nel vecchio continente, fino al 2003 ricopre la carica di Console presso il Consolato Generale d’Italia a Parigi. Poi, di nuovo alla Farnesina, si occupa dapprima di risorse umane e, dopo, di vari aspetti istituzionali e giuridici nell’ambito dell’integrazione europea, dove, tra i tanti dossier di cui si occupa, è anche negoziatore giuridico del trattato di Lisbona. Dal 2009, presta servizio presso la Rappresentanza Permanente presso l’Unione Europea a Bruxelles. Dal 2013 inizia quindi una lunga esperienza come Consigliere Diplomatico del Ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali, nel cui ambito è altresì impegnato nella dimensione estera di Expo Milano. Negli ultimi anni, è ancora al Ministero degli Esteri al servizio giuridico dove si specializza in diritto internazionale del mare. Infine, il prestigioso incarico a Skopje. 

Ecco, tante tappe di una brillante carriera: se dovesse riassumerne il filo rosso in una battuta, quale userebbe? 

Beh, aiutare l’Italia fuori dall’Italia», è una battuta abbastanza efficace per quanto riassuntiva, direi. Ho lavorato in vari settori e in tanti paesi, ma ogni mia azione è finalizzata a tutelare gli interessi del Paese, promuoverlo e rappresentarlo. Nel mio piccolo, penso di contribuire a questo fine. 

Da Castiglion Fiorentino a Skopje facendo il «giro del mondo». Come conserva e come descriverebbe il legame con la sua terra natia?

Un legame molto forte e intimo, senza dubbio. Castiglion Fiorentino è il Paese dove sono cresciuto, dove mantengo legami familiari e con gli amici, e dove ritorno appena posso. In ogni esperienza all’estero mi è pertanto naturale portare con me la memoria di queste persone, monumenti, paesaggi e sapori, di cui vado molto orgoglioso. 

L’Italia è da sempre uno dei principali sostenitori delle aspirazioni euro-atlantiche della Repubblica di Macedonia del Nord. Un rapporto florido che è il precipitato di un’amicizia profondissima.

Geografia, interessi economici, vicinanza sociale sono aspetti che mettono in evidenza il forte legame tra i due paesi. Ad esempio: se guardiamo alle tracce storiche, pensiamo che Giustiniano, imperatore romano, autore del Corpus Iuris Civilis, affonda i propri natali nell’attuale Macedonia del Nord. Tuttavia, se guardiamo la cartina del continente europeo, notiamo che l’Europa è occupata quasi per intero, in maniera compatta e coesa, da paesi appartenenti all’UE se non per una «chiazza» rappresentata dagli stati dei Balcani occidentali, Serbia, Montenegro, Kosovo, Albania, Bosnia Erzegovina, e appunto Macedonia del Nord. E’ chiaro, che il processo di integrazione europea non può prescindere dalla loro presenza: per questi motivi l’Italia sostiene il rapido avvio dei negoziati di adesione con Macedonia del Nord e Albania. 

Parallelamente, al suo impegno professionale negli affari internazionali, lei ha coltivato la sua passione per il mondo dei fumetti e ha addirittura coniugato queste due sfere, apparentemente lontane, in un interessante libro «Fumetti e potere. Eroi e supereroi come strumento geopolitico» (sopra un momento della presentazione nel 2020). Di cosa parla? 

Per le loro caratteristiche, anche i fumetti possono essere considerati uno strumento di soft power: definito come il potere della persuasione attrattiva, un’arma importante nelle relazioni internazionali.

Pensiamo che durante le guerre, compresa la guerra fredda, i fumetti americani svolsero un’importante funzione di compattamento dell’opinione pubblica e di orientamento di questa. E, sul fronte estero, furono anche uno strumento per esibire il successo del modello americano fuori dai propri confini. Ma pensiamo che è il Giappone il Paese che, seppur in modo inconsapevole, ha utilizzato il fumetto come strumento per diffondere una data immagine di sé e capitalizzare una certa influenza. Non è un caso che quella nipponico sia la prima industria fumettistica mondiale. Avete presente i Manga? Ecco. 

In Italia, siamo spesso trincerati nella politica interna e, di corollario, dedichiamo poca importanza agli affari esteri. Anche le maggiori testate nazionali, paiono poco attente a ciò che accade dall’altra parte del pianeta. Ma anche se non ci occupiamo di politica estera, la politica estera si occuperà comunque di noi, diceva qualche mio prof all’Università. Perché è importante guardare anche fuori casa nostra?

Evidentemente in un paese profondamente democratico quale è l’Italia, seguire le dinamiche interne è fondamentale in quanto è in questo ambito che si vanno a orientare il consenso politico. Ma non dobbiamo mai dimenticare la dimensione estera. L’Italia è al centro del Mediterraneo e per questo, possiamo dire, che ha una vocazione naturale allo scambio e al commercio. Certe questioni, oggigiorno non possono più essere risolte a livello nazionale. Inoltre seguire le vicende di e con altri paesi da dei frutti in termini di apertura mentale. 

Le nuove generazioni hanno una vocazione «più internazionale»? 

Credo che i giovani di oggi abbiano una cognizione di vicinanza e fratellanza europea maggiore rispetto la mia generazione. Tuttavia, è importante che la maggiore facilità di contatto debba essere supportata da elementi di conoscenza e analisi per divenire efficace. 

Proseguendo sulle responsabilità delle nuove generazioni. Qual è la sfida del secolo che la società globale deve affrontare? 

La lotta al cambiamento climatico sul medio lungo periodo è sicuramente la partita più importante che impone anche una ristrutturazione delle società globale, dei modelli energetici e così via. Anche altre sfide, come la sostenibilità dello sfruttamento delle risorse sono direttamente collegate. E’ necessario uno sforzo collettivo e, anche qui, uno sforzo che deve essere concretizzato attraverso la cooperazione internazionale. Nessuno deve tirarsi fuori da questa responsabilità condivisa Tuttavia, la politica estera e gli accordi sono fondamentali ma rimodellare i propri comportamenti come consumatori e cittadini, è allo stesso modo fondamentale. Ognuno di noi deve svolgere la sua parte in virtù di questi obiettivi . 

Vista in parte da fuori, come ha visto l’Italia fronteggiare il Covid? Come è stato visto, all’estero, il carattere degli italiani in questa sfida?

C’è stata molta comprensione per la prova che abbiamo affrontato per primi in Europa, e anche grande ammirazione per la capacità che abbiamo dimostrato di saperla affrontare, anche a costo di grandi sacrifici, e di saper ripartire con determinazione e entusiasmo. 

Quale sarà l’Europa e l’Italia del post covid? Verso quali temi sarà più sensibile? 

Al di là dei suoi aspetti tragici e delle misure sanitarie che ci ha costretto a conoscere, la pandemia ha favorito anche una maggiore solidarietà nell’Unione Europea, che in pochi mesi ha saputo dotarsi di uno strumento innovativo come il Next Generation EU. Adesso sta a noi utilizzare queste risorse al meglio, in modo che la ripresa economica vada anche in una direzione più sostenibile e inclusiva. 

Luca Amodio

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
ASSEMBRAMENTI DI STUDENTI, CHIESTA LA SOPPRESSIONE DELLE FERMATE 

👦🏼🚍Assembramenti di studenti lungo la Sr71, inviata lettera ad Autolinee Toscana per chiedere la soppressione della fermata negli orari di punta per motivi di sicurezza stradale 👇

https://www.sr71.it/2022/09/30/assembramenti-di-studenti-lungo-la-sr71-inviata-lettera-ad-autolinee-toscana-per-chiedere-la-soppressione-della-fermata-negli-orari-di-punta/

ASSEMBRAMENTI DI STUDENTI, CHIESTA LA SOPPRESSIONE DELLE FERMATE

👦🏼🚍Assembramenti di studenti lungo la Sr71, inviata lettera ad Autolinee Toscana per chiedere la soppressione della fermata negli orari di punta per motivi di sicurezza stradale 👇

www.sr71.it/2022/09/30/assembramenti-di-studenti-lungo-la-sr71-inviata-lettera-ad-autolinee-tosca...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ma basta avete rotto il cazzo...ma scrivete cose serie...Giornale da 4 Soldi

Gli sopprimono un sacco di corse costringendoli a fare a gara ad entrare negli autobus in stile Fantozziano, poi si lamentano che sono in troppi alla fermata...🤦‍♂️😂

🤦‍♀️

Da quando c'è autolinee toscane mi sembra diventata tutta una barzelletta

NASCE LA STAZIONE CORTONA “CENTRO”

🚆🚌 Dal 15 ottobre sarà possibile acquistare biglietti per la nuova destinazione “Cortona Centro” sui sistema di vendita Trenitalia, sia alla biglietteria che sul sito web.

I viaggiatori potranno quindi, attraverso la logica intermodale treno+bus, raggiungere la stazione ferroviaria “virtuale” Cortona “centro”: in un solo click con la coincidenza calcolata tra la corsa in su gomma e su ferrovia.

🎤 le interviste a Marco Trotta direttore Trenitalia DR Toscana, Silvia Spensierati assessore ai
Trasporti del Comune di Cortona, Luciano Meoni sindaco di Cortona, l’assessore ai Trasporti della Regione Toscana Stefano Baccelli e Gianni Bechelli presidente Autolinee Toscane
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Evvivaaaa

Ma prevedere un bel piano risanatore per le stazioni ferroviarie esistenti quali Terontola e Camucia anziché dedicarsi a certe discutibili novità? Cortona centro, come la chiamate voi non può fare a meno di quelle stazioni in cui i treni fanno scalo tra degrado,edifici pericolanti e mancanze strutturali!!!

finalmente! bravi!

E alle dieci di sera dov'è il bus da terontola a Cortona? Ne mettete uno nuovo?

AVEVA COCAINA PARI A UN MILIONE DI EURO, ARRESTATO ALL’AEROPORTO 

Era appena rientrato in Italia dopo mesi trascorsi all’estero e viene arrestato all’aeroporto di Perugia dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Foligno. Nei suoi confronti, infatti, gravava un Ordine di Custodia Cautelare emesso dall’Autorità Giudiziaria di Spoleto per reati in materia di stupefacenti, cui l’uomo si era sottratto fuggendo nel suo paese d’origine. Al momento è stato collocato agli arresti domiciliari in attesa degli sviluppi della vicenda, che si innesta nell’attività d’indagine che aveva portato, nel gennaio scorso, al ritrovamento di 17 kg di cocaina occultati in un garage di Foligno, oltre a circa 70.000 Euro in denaro contante.
L’indagine, originata nell’aretino dall’attività svolta dal Nucleo Operativo Radiomobile di Arezzo, aveva condotto gli inquirenti a Foligno ove, in collaborazione coi Carabinieri di Foligno, erano state eseguite alcune perquisizioni nei confronti di persone residenti in loco, rinvenendo l’enorme quantitativo di sostanza appena precisato che, rivenduta sul mercato, avrebbe portato ad un guadagno per la malavita senz’altro superiore al milione di Euro.
In quell’occasione l’odierno arrestato era stato trovato in possesso di circa 13.000 Euro di denaro contante e sulla vettura dallo stesso utilizzata era stato scoperto un doppio fondo, sotto il sedile anteriore, presumibilmente utilizzato per l’occultamento della droga che, in quel momento, non era presente all’interno.

AVEVA COCAINA PARI A UN MILIONE DI EURO, ARRESTATO ALL’AEROPORTO

Era appena rientrato in Italia dopo mesi trascorsi all’estero e viene arrestato all’aeroporto di Perugia dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Foligno. Nei suoi confronti, infatti, gravava un Ordine di Custodia Cautelare emesso dall’Autorità Giudiziaria di Spoleto per reati in materia di stupefacenti, cui l’uomo si era sottratto fuggendo nel suo paese d’origine. Al momento è stato collocato agli arresti domiciliari in attesa degli sviluppi della vicenda, che si innesta nell’attività d’indagine che aveva portato, nel gennaio scorso, al ritrovamento di 17 kg di cocaina occultati in un garage di Foligno, oltre a circa 70.000 Euro in denaro contante.
L’indagine, originata nell’aretino dall’attività svolta dal Nucleo Operativo Radiomobile di Arezzo, aveva condotto gli inquirenti a Foligno ove, in collaborazione coi Carabinieri di Foligno, erano state eseguite alcune perquisizioni nei confronti di persone residenti in loco, rinvenendo l’enorme quantitativo di sostanza appena precisato che, rivenduta sul mercato, avrebbe portato ad un guadagno per la malavita senz’altro superiore al milione di Euro.
In quell’occasione l’odierno arrestato era stato trovato in possesso di circa 13.000 Euro di denaro contante e sulla vettura dallo stesso utilizzata era stato scoperto un doppio fondo, sotto il sedile anteriore, presumibilmente utilizzato per l’occultamento della droga che, in quel momento, non era presente all’interno.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Rimango sempre dell'idea che i lavori forzati siano un deterrente più che valido.

Ai domiciliari che ma che deve fa per andare in galera a vita pane acqua andare a rubare in un pollaio

E ancora co sti arresti domiciliari, galera, galera subito signor giudice. In attesa di ... che scappi ?

Ma sicuro sarà entrato uno con più merce

MAXI RITARDI 

Trasporto ferroviario, maxi ritardi sulla linea Firenze Roma, di cui fa parte anche la stazione di Arezzo. 

I disagi sono stati causati da un guasto sulla linea elettrica dopo il passaggio di un treno a Settebagni.  Si sono quindi accumulati ritardi consistenti, anche superiori ad un’ora durante tutto il pomeriggio. 

Al momento le frecce in direzione Firenze e Roma che dovranno fare tappa anche ad Arezzo mantengono un ritardo di circa mezz’ora. Così come alcuni regionali e intercity.

MAXI RITARDI

Trasporto ferroviario, maxi ritardi sulla linea Firenze Roma, di cui fa parte anche la stazione di Arezzo.

I disagi sono stati causati da un guasto sulla linea elettrica dopo il passaggio di un treno a Settebagni. Si sono quindi accumulati ritardi consistenti, anche superiori ad un’ora durante tutto il pomeriggio.

Al momento le frecce in direzione Firenze e Roma che dovranno fare tappa anche ad Arezzo mantengono un ritardo di circa mezz’ora. Così come alcuni regionali e intercity.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Mi è venuto in mente ora.... Ma i prezzi dei biglietti raddoppiano? Con quello che costa la corrente

SEMPRE PIÙ GREEN

💦💚Nuove Acque sempre più green, nel 2021 risparmiato quasi mezzo milione di metri cubi di acqua prelevato dall’ambiente 👇

https://www.sr71.it/2022/09/29/nuove-acque-sempre-piu-green-nel-2021-risparmiato-quasi-mezzo-milione-di-metri-cubi-di-acqua-prelevato-dallambiente/

SEMPRE PIÙ GREEN

💦💚Nuove Acque sempre più green, nel 2021 risparmiato quasi mezzo milione di metri cubi di acqua prelevato dall’ambiente 👇

www.sr71.it/2022/09/29/nuove-acque-sempre-piu-green-nel-2021-risparmiato-quasi-mezzo-milione-di-m...
... See MoreSee Less

USI E COSTUMI DI UN TEMPO

A Lucignano  in arrivo un fine settimana alla riscoperta di arti, mestieri, scene di vita quotidiana tra fine ‘800 e i primi del’900. C’è anche un matrimonio d’epoca

https://www.sr71.it/2022/09/29/memorie-del-passato-lucignano-torna-agli-usi-e-costumi-di-un-tempo/

Comune di Lucignano

USI E COSTUMI DI UN TEMPO

A Lucignano in arrivo un fine settimana alla riscoperta di arti, mestieri, scene di vita quotidiana tra fine ‘800 e i primi del’900. C’è anche un matrimonio d’epoca

www.sr71.it/2022/09/29/memorie-del-passato-lucignano-torna-agli-usi-e-costumi-di-un-tempo/

Comune di Lucignano
... See MoreSee Less

Load more