fbpx

Controlli dei carabinieri, trovato positivo al Covid19 a spasso in centro

Nella serata di ieri e fino alle prime ore della notte odierna i militari della Compagnia Carabinieri di Arezzo hanno effettuato un mirato servizio di controllo del territorio che ha interessato gran parte dei centri città di Arezzo e Subbiano, attività periodica finalizzata a prevenire e contrastare fenomeni criminosi, nonché episodi di degrado urbano e comportamenti potenzialmente pericolosi per i cittadini e tipici del fine settimana.

Il servizio è stato svolto in modo coordinato da numerose unità di carabinieri coinvolti con sei pattuglie automontate, in divisa ed in borghese. Sono state presidiate le zone sensibili dei centri urbani dalle prime ore della sera fino a notte inoltrata. Sono stati altresì eseguiti controlli sui conducenti di 59 tra autovetture e motoveicoli lungo le arterie maggiormente trafficate, identificando 84 persone, tra italiani e stranieri, operazione finalizzata ad individuare e sanzionare le persone che si mettono alla guida soprattutto nel fine settimana sotto l’alterazione da sostanze alcoliche o stupefacenti.

In occasione del servizio sono stati controllati anche 2 esercizi pubblici ed altre 60 persone. Un italiano è stato denunciato a piede libero perché, nonostante in isolamento domiciliare per accertata positività al Coronavirus, è stato controllato per le strade del centro storico di Arezzo al di fuori della propria abitazione. Altre 3 persone sono state denunciate (2 stranieri ed un italiano), in quanto trovate alla guida sotto l’influenza dell’alcol, un extracomunitario è stato denunciato perché alla guida di un automezzo senza aver conseguito la patente. Altri 2 cittadini sono stati trovati in possesso di una modica sostanza stupefacente del tipo cocaina per uso personale, quindi segnalate alla Prefettura del capoluogo come assuntori.

L’attività svolta è inserita in una serie di specifici servizi svolti dall’Arma dei Carabinieri nei centri urbani finalizzati a tutelare i cittadini e, contemporaneamente, consentire lo svolgimento della vita sociale in un contesto di sicurezza e legalità.