fbpx

Cortona, intitolato a Emanuele Petri il parco di via Sandrelli di Camucia. Festa con la Fanfara della Polizia e gli studenti

Le note della Fanfara della Polizia di Stato, il calore degli studenti cortonesi e l’Albero della vita, ecco la formula con cui il Comune di Cortona e la Questura di Arezzo hanno organizzato la cerimonia per l’intitolazione del parco di Camucia ad Emanuele Petri. Una dedica scolpita nella targa che è stata svelata dal Sindaco Luciano Meoni in questa giornata in cui, dal tragico 2 marzo 2003, si ricorda l’uccisione per mano dei terroristi del Sovrintendente Capo della Polizia di Stato, Medaglia d’Oro al Valor Civile.

Ad aprire la mattinata è stata l’esibizione della Fanfara della Polizia di Stato che ha accolto le autorità invitate dal Comune. Erano presenti il Sottosegretario di Stato all’Interno, On. Nicola Molteni, il Vice Capo della Polizia, Prefetto Maria Teresa Sempreviva, il Questore di Arezzo Dario Sallustio, il Prefetto di Arezzo Maddalena De Luca, tutte le autorità civili e militari della provincia e tutti e i Questori della Toscana e di Perugia.

Presenti come ospiti d’onore della giornata i familiari di Emanuele Petri, la moglie Alma, la sorella Elisabetta e il figlio Angelo. Il fratello Leopoldo, che non ha potuto partecipare per una sopraggiunta indisposizione, ha inviato una lettera che è stata letta durante la cerimonia.
Intorno a loro circa 100 studenti provenienti dalla scuola primaria «Morra», autori del progetto grafico del parco di Camucia, ma anche dagli istituti secondari e dalle superiori del Signorelli e del Vegni con i loro insegnanti.

Al termine degli interventi è stato svelato il monumento realizzato da Andrea Roggi e la targa di intitolazione del parco. Si tratta dell’Albero della vita, opera simbolo dello scultore che rappresenta la forza degli ideali di giustizia e legalità che sono propri della figura di Emanuele Petri.
Il sovrintendente Petri era in forza al Posto di Polizia Ferroviaria di Terontola; grazie al suo sacrificio e al lavoro dei colleghi, fu possibile assicurare alla giustizia i terroristi delle Brigate Rosse e portare a termine una complessa indagine che portò allo smantellamento di questo sodalizio criminale.

«Il Consiglio comunale di Cortona – ha dichiarato il Sindaco – ha votato all’unanimità la mozione con cui è stato deciso di intitolare il parco a Petri. Questo luogo è stato inaugurato pochi mesi fa ed è stato subito apprezzato dai nostri concittadini, in particolare dai bambini, è proprio a loro che vogliamo dedicare questa giornata in cui riaffermiamo gli ideali di pace, democrazia, giustizia e legalità contro ogni tipo di violenza».

«Credo che questo parco, proprio perché frequentato da bambini, servirà a tenere viva la memoria di Emanuele Petri: un uomo, un grande servitore dello Stato. La famiglia Petri nasce in Polizia, già dal nonno Marino e il legame è sempre forte», ha dichiarato il Vice Capo della Polizia, Prefetto Maria Teresa Sempreviva.

«Per noi è una grande emozione, questo è un gesto di grande importanza da parte del Sindaco e del Consiglio comunale, di tutta la città di Cortona. Questo è un luogo frequentato dai bambini, dai giovani e non ci poteva essere miglior segnale in questo 2 marzo», ha dichiarato il Sottosegretario di Stato all’Interno, On. Nicola Molteni.

«Fare memoria di esempi eroici di attaccamento al dovere e spirito di sacrificio, come quello di Emanuele Petri, contribuisce a rinnovare in tutti noi, Istituzioni e cittadini, adulti e ragazzi, l’assoluta necessità di percorrere il nostro cammino guidati dai valori della legalità e del rispetto verso gli altri», ha dichiarato il Questore di Arezzo, Dario Sallustio.

«Questo è uno dei più bei gesti a cui in questi anni di celebrazioni dedicate a mio marito ho potuto assistere. Sapere che il suo nome vivrà vicino ai bambini mi riempie di emozione», ha dichiarato una commossa Alma Petri.

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
AREZZO: ALCOL E DROGA, UN MINORE IN COMA NELLA NOTTE
Alle ore 23.20 in via del Balilla ad Arezzo i mezzi del 118 hanno soccorso un minore, rinvenuto in stato di coma su una panchina. 
Assunzione di alcol  e sostanze stupefacenti queste le cause del malore. Il minore è stato intubato e trasferito all’Ospedale San Donato di  Arezzo. 
Sul posto sono intervenuti Automedica di Arezzo, Ambulanza della Croce Rossa di Arezzo ed i Carabinieri.

AREZZO: ALCOL E DROGA, UN MINORE IN COMA NELLA NOTTE
Alle ore 23.20 in via del Balilla ad Arezzo i mezzi del 118 hanno soccorso un minore, rinvenuto in stato di coma su una panchina.
Assunzione di alcol e sostanze stupefacenti queste le cause del malore. Il minore è stato intubato e trasferito all’Ospedale San Donato di Arezzo.
Sul posto sono intervenuti Automedica di Arezzo, Ambulanza della Croce Rossa di Arezzo ed i Carabinieri.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ma i genitori dove sono finiti? Possibile che questi ragazzi siano lasciati così liberi ? ......non si può lasciare specialmente un minorenne libero così senza controllo . Un genitore deve controllare quello che fa suo figlio o figlia è un suo dovere , non si può dare tutta questa libertà ,ci vogliono regole da rispettare da ambedue due le parti .

😓🥺

Io spero che si riprenda velocemente e non ci ricaschi. Roberto Pastonchi lei ha figli o nipoti? Se li ha le auguro che non gli succeda. Buonagiornata

Che schifo di mondo

CONSIGLI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

CONSIGLI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

🥕🥩 "Zero Spreco” dalla parte dei consumi intelligenti, anche in cucina, e dell’impegno sociale al servizio di e ragazzi. Anche Aisa Impianti s.p.a si è unita a infatti a “COLORArte, sinergie arte e riuso 2022”, l'iniziativa di ToscanAbile, associazione per ragazzi con disabilità che ha scelto l’arte e la bellezza come mezzo di incontro, partecipazione e inclusione.

🎤 le interviste a Barbara Lapini, nutrizionista, e Salvatore Mauro presidente di Toscana Abile onlus
... See MoreSee Less

MALTEMPO, GIANI CHIAMA AGNELLI

Quasi 600 mila euro, per la precisione 580 mila euro, è il totale quantificato dei danni occorsi dopo il maltempo dello scorso 15 settembre. Nello specifico si tratta di 350 mila euro a immobili privati e di 230 mila a beni di proprietà pubbliche. 

Il comune di Castiglion Fiorentino ha chiesto alla Regione Toscana lo stato di Emergenza per gli eventi meteorologici dello scorso 15 settembre. 

https://www.sr71.it/2022/10/01/maltempo-giani-chiam-agnelli-il-comune-chiede-lo-stato-di-emergenza-per-gli-eventi-dello-scorso-15-settembre/

MALTEMPO, GIANI CHIAMA AGNELLI

Quasi 600 mila euro, per la precisione 580 mila euro, è il totale quantificato dei danni occorsi dopo il maltempo dello scorso 15 settembre. Nello specifico si tratta di 350 mila euro a immobili privati e di 230 mila a beni di proprietà pubbliche.

Il comune di Castiglion Fiorentino ha chiesto alla Regione Toscana lo stato di Emergenza per gli eventi meteorologici dello scorso 15 settembre.

www.sr71.it/2022/10/01/maltempo-giani-chiam-agnelli-il-comune-chiede-lo-stato-di-emergenza-per-gl...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ora paga Salvini che problemi ci sono.

x come si occupano del territorio gli enti addetti e successo poco, adesso chiedete la calamità alla regione, dovrebbero essere i cittadini a prendere i responsabili a calci nel culo visto che si mangiano tutti i nostri soldi

Avevi a usarli bene prima invece di intascarli ladro

CORTONA IN PIAZZA A SOSTEGNO DELLE DONNE IRANIANE

Cortona scende in piazza a sostegno delle donne e del popolo Iraniano.

📹 le immagini della manifestazione in piazza del comune a Cortona

🎤le parole di Mina Azmoodeh, iraniana residente a Cortona dal 2015
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Donna vita libertà

Donna vita libertà

✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻

Bellissima iniziativa e pieno sostegno alle donne di tutto il mondo.... L'unica cosa che però Andrebbe spiegata a questa ragazza è che in questo caso il fascismo c'entra come i cavoli a merenda..... Il problema è religioso e non politico.....

View more comments

MASCHERINE NON PIÙ OBBLIGATORIE SUI MEZZI PUBBLICI 

Da oggi decade l’obbligo per l’uso delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, treni, bus, metro, traghetti e aerei. Rimane l’obbligo, fino al 31 ottobre, per lavoratorio, utenti e visitatori per accedere a strutture sanitarie, RSA, strutture socio sanitarie e residenze per anziani.

MASCHERINE NON PIÙ OBBLIGATORIE SUI MEZZI PUBBLICI

Da oggi decade l’obbligo per l’uso delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, treni, bus, metro, traghetti e aerei. Rimane l’obbligo, fino al 31 ottobre, per lavoratorio, utenti e visitatori per accedere a strutture sanitarie, RSA, strutture socio sanitarie e residenze per anziani.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Una gran c...a

BENTORNATA SINDACA!

🇮🇹Marciano della Chiana, dopo lunga assenza il Sindaco Maria De Palma sarà presente al prossimo consiglio comunale 👇

https://www.sr71.it/2022/09/30/marciano-della-chiana-dopo-lunga-assenza-il-sindaco-maria-de-palma-torna-sul-ponte-di-comando/

BENTORNATA SINDACA!

🇮🇹Marciano della Chiana, dopo lunga assenza il Sindaco Maria De Palma sarà presente al prossimo consiglio comunale 👇

www.sr71.it/2022/09/30/marciano-della-chiana-dopo-lunga-assenza-il-sindaco-maria-de-palma-torna-s...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Un abbraccio Maria!!!

Un forte abbraccio Maria!!😘

Bentornata 🍀🍀

Bentornata ❤️😘

Bentornata 😘

Bentornata

Bentornata sindaca

Io direi, bentornata sindaca

👏👏👏👏

👏👏👏👏

Ciao, scusa per questo modo di contattarmi, ho appena visto il tuo profilo e ho pensato che tu fossi la persona di cui avevo bisogno. In breve, mi chiamo Marie Stella, sono di origine olandese e vivo in Francia. Soffro di una grave malattia che mi sta condannando a morte certa, è un cancro alla gola e ho una somma di 500.000 euro che vorrei donare a una persona affidabile e onesta per farne buon uso. Possiedo un'attività di importazione di petrolio rosso in Francia e ho perso mio marito 6 anni fa, il che mi ha colpito duramente e non ho potuto risposare fino ad oggi, non avevo figli. Vorrei fare una donazione di questo importo prima di morire in modo che i miei giorni siano contati perché non ho una cura per questa malattia, ma un tranquillante in Francia non vuole sapere se puoi beneficiare di questa donazione. Ecco il mio numero WhatsApp: +40 752 627 234 Dio ti benedica 🙏🙏🙏🙏

View more comments

Load more