fbpx

Santa Margherita, tornano i banchini per la festa della patrona di Cortona

Un 22 febbraio con il sapore del ritorno alla normalità anche per le celebrazioni della santa patrona, il 2022 peraltro coincide con il 750esimo anno della conversione della santa. Nel giorno in cui la comunità cristiana di Cortona partecipa alla festa di Santa Margherita, tornano anche le attività commerciali ambulanti nel piazzale della basilica. Le celebrazioni religiose sono già in corso con gli appuntamenti della novena, lunedì alle 17,30 sarà aperta l’urna della patrona e a seguire si terrà la messa animata dagli araldi di Santa Margherita.
Martedì 22 febbraio sarà festa patronale, gli uffici comunali saranno chiusi, assicurando i servizi essenziali dei giorni festivi. Alla basilica le celebrazioni cominciano alle 7 con la santa messa officiata dal rettore del Santuario, frate Giancarlo Rosati e proseguiranno alle 8 con il rito a cura di Stefan Kozuh, frate minore cappuccino de Le Celle, seguito alle 9,30 dalla santa messa officiata dal ministro provinciale dei Frati minori di Toscana, Livio Crisci. Alle 11,00 si terrà la celebrazione liturgica con l’arcivescovo della Diocesi di Arezzo, Cortona e Sansepolcro, monsignor Riccardo Fontana. Questa funzione religiosa sarà trasmessa in diretta anche su Radio Incontri.

Alle 16 sarà monsignor Italo Castellani, arcivescovo emerito di Lucca, a celebrare la santa messa, quindi alle 17,30 il rito religioso sarà officiato da don Giovanni Ferrari, parroco della concattedrale. Concluderà la giornata della Santa Patrona la celebrazione del frate Valentino Benedetto Ghiglia, vice rettore del Santuario.
«Ci apprestiamo alla giornata di tutti i cortonesi – dichiara il sindaco Luciano Meoni – voglio ringraziare tutti gli uffici che hanno lavorato al ritorno degli operatori commerciali, ma quello che preme sottolineare è l’importanza che questa giornata ha per le persone della nostra comunità, un momento che possiamo tornare a vivere insieme, rispettando le regole che ancora sono in vigore».

Dopo lo stop del 2021, quest’anno tornano in piazza gli operatori ambulanti, per garantire maggiore distanziamento, tra visitatori e clienti è stato definita una planimetria che prevede 19 posteggi anziché i 24 previsti dal piano del commercio. «Abbiamo riservato la massima attenzione ai titolari di concessione attualmente in vigore», dichiarano Lucio Gori e Carlo Umberto Salvicchi di Confesercenti e Confcommercio.
«Un ringraziamento doveroso agli uffici Suap e alla Polizia Municipale – prosegue l’assessore alle Attività produttive Paolo Rossi – l’auspicio è che questo giorno di festa rappresenti un punto di ripartenza per tutta la nostra comunità».
Tornano anche le consuete variazioni al traffico che riguardano la strada del Santuario, il piazzale della Basilica e la strada comunale dei Filtri, come specificato nell’ordinanza comunale. Il 22 febbraio gli uffici comunali saranno chiusi, assicurando le attività essenziali previste dai giorni festivi.