fbpx

Tattica e cuore, lo stratega del calcio, intervista a Luigi Nocentini

Luigi, il tuo lavoro è il sogno nel cassetto di tanti ragazzi, com’è nata la tua passione?

Ho fatto diversi sport da ragazzo ma il calcio è sempre stato al primo posto, dalle estati passate a giocare in cortile come tanti ragazzi della mia età alle varie esperienze come giocatore dilettantistico nelle squadre della zona, tra Spoiano, Montepulciano e Terontola; ma senza mai raggiungere alti livelli, purtroppo la natura non mi ha dato doti fisiche importanti!

Ecco, ma esattamente di cosa ti occupi?

In uno staff tecnico, oltre all’allenatore e al vice allenatore, ci sono i preparatori atletici e i collaboratori tecnici come me. Ad esempio, io mi occupo di tattica, della progettazione della partita con questa e quest’altra squadra, di come si affronterà il match sia nella fase senza palla, nella difensiva, che nella parte offensiva. In alcuni casi, il collaboratore tecnico svolge anche la figura di match analyst che a livello video e informatico studia gli avversari, creando delle piccole clip individuali per studiare i singoli giocatori che si vuole prendere in considerazione. 

Quando hai deciso di appendere le scarpe al chiodo ma comunque di fare del calcio il tuo lavoro?

Giocavo alla Poliziana a Montepulciano in prima categoria ed era già un anno in cui avevo contatti con il vice allenatore, Francesca Calzona, e il preparatore, Francesco Sinatti, dell’Empoli di Sarri, ma erano perlopiù perché volevo crescere io piuttosto che per un effettivo loro bisogno. Poi mi è stato proposto di entrare nello staff l’anno successivo, nella stagione 2016-2017, e allora ho scelto di lasciare il mio lavoro e la mia città per coronare il mio sogno. Direi che ne è valsa la pena. 

Prima Sarri e adesso Shevchenko, da una parte un allenatore che si è fatto da sé con la gavetta partendo dal basso e dall’altro un pallone d’oro. Com’è stato lavorare con questi due giganti?

Con mister Sarri è stata la mia prima esperienza, direi la mia università. Ho iniziato a seguirlo dall’esterno quando allenava l’Empoli in serie B e sono rimasto soprattutto colpito dalla sua cura meticolosa dei dettagli. Grazie a questa esperienza ho potuto fare un grande salto anche grazie al contatto con uno staff di primo livello che mi ha insegnato tutto quello che oggi sto sfruttando. Per quanto riguarda Mister Shevchenko, sono rimasto piacevolmente colpito dalla sua umanità: sin dal primo giorno sono rimasto colpito dalla sua umiltà unica e dal grandissimo rispetto per le persone al suo fianco.

I momenti più belli che ti ha regalato questo sport?

Sicuramente entrare al Santiago Bernabeu per la partita Real Madrid Napoli non è una cosa da tutti i giorni, ma forse il momento più bello è stata la vittoria a Torino con il gol di Coulibaly: lì eravamo ad un passo dalla vittoria dello scudetto e quando siamo tornati a Napoli vedere l’aeroporto circondato dai nostri tifosi in festa è stato davvero emozionante. E veniamo a quest’estate, quando sono stato arruolato tra le file dello staff dell’Ucraina in vista degli Europei, la vittoria ai quarti con la Svezia è stata indimenticabile. Ma speriamo ci siano tanti altri momenti!

Come si svolge la tua settimana tipo?

Una settimana tutta al lavoro potrei dire, dalle 9 che arrivo al campo fino alle 19 che esco sono in ufficio, seppur intervallato da uno o più allenamenti a seconda delle giornate. Il fine settimana ovviamente c’è la partita per cui non ci si può riposare. Paradossalmente quando ero in fabbrica il venerdì alle 17 staccavo fino al lunedì, qui c’è una pressione molto più intensa e costante- con tutto il rispetto per chi lavora in fabbrica come ho fatto io, ovviamente – che esige che ogni dettaglio venga analizzato al meglio. 

La tua ambizione?

Crescere professionalmente ma rimanendo sempre il Luigi di sempre, con i piedi per terra che sa da dove viene, ovvero da Cortona, dove ancora ho le mie amicizie e la mia idea di casa. Non voglio assolutamente perdere il mio legame. Un domani vorrei diventare Primo Allenatore, c’è un percorso lungo da fare ma penso che la strada che ho imboccato sia quella giusta. 

Luca Amodio

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
UN SUCCESSO PER CORTONA ON THE MOVE

UN SUCCESSO PER CORTONA ON THE MOVE

📸Grande affluenza post Covid per Cortona On The Move, quando mancano pochi giorni alla conclusione del festival internazionale di fotografia sono oltre 21 mila gli ingressi registrati alla biglietteria, mille in più rispetto al dato conclusivo del 2021

🎤 le interviste a Veronica Nicolardi, direttrice del festival e Luciano Meoni, sindaco di Cortona

Comune di Cortona
... See MoreSee Less

MACCHINA A FUOCO

Macchina a fuoco nella zona industriale di San Zeno. Nessuna persona coinvolta secondo quanto si apprende. La dinamica è ancora da ricostruire. Sul posto i vigili del fuoco. È successo verso le 18:45. 

in aggiornamento

MACCHINA A FUOCO

Macchina a fuoco nella zona industriale di San Zeno. Nessuna persona coinvolta secondo quanto si apprende. La dinamica è ancora da ricostruire. Sul posto i vigili del fuoco. È successo verso le 18:45.

in aggiornamento
... See MoreSee Less

🔴AUTO SI RIBALTA, UNA PERSONA SBALZATA FUORI

Incidente lungo la A1. Auto si ribalta e una persona viene sbalzata fuori. In tre al pronto soccorso in codice rosso 

Alle  ore 16.23 nellautostrada A1 direzione nord al km 282, tra uscite Valdichiana e Monte San Savino si è verificato un incidente con unauto che si è ribaltata. Coinvolte tre persone di cui una sbalzato fuori dallauto. 
Sul posto ambulanza della Croce Verde di  Chianciano Terme, ambulanza della Pubblica Assistenza di Foiano della Chiana  e della Misericordia di Lucignano. 
Tutti e 3 i pazienti (un uomo di 63 anni e due donne, una di 84 e una di 63)  sono stati trasportati presso ospedale Le Scotte di Siena in codice rosso

Immagine di repertorio

🔴AUTO SI RIBALTA, UNA PERSONA SBALZATA FUORI

Incidente lungo la A1. Auto si ribalta e una persona viene sbalzata fuori. In tre al pronto soccorso in codice rosso

Alle ore 16.23 nell'autostrada A1 direzione nord al km 282, tra uscite Valdichiana e Monte San Savino si è verificato un incidente con un'auto che si è ribaltata. Coinvolte tre persone di cui una sbalzato fuori dall'auto.
Sul posto ambulanza della Croce Verde di Chianciano Terme, ambulanza della Pubblica Assistenza di Foiano della Chiana e della Misericordia di Lucignano.
Tutti e 3 i pazienti (un uomo di 63 anni e due donne, una di 84 e una di 63) sono stati trasportati presso ospedale Le Scotte di Siena in codice rosso

Immagine di repertorio
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Sono 2 in una settimana fra chiusi ed Arezzo

Dio aiuta

Velocità distanza di sicurezza e cellulare. La gente deve lavorare su se stessa.

Sempre quel tratto

La Polizia un c'è mai .....

View more comments

CASA A FUOCO, AL PRONTO SOCCORSO 81ENNE

Alle  ore 17 in una abitazione a Sansepolcro in via Agio Torto si è verificato un incendio, per cause in via di accertamento, che ha coinvolto una persona, una donna di 81 anni.
La paziente è stata trasportata in codice giallo allospedale della Valtiberina. 
Sul posto Auto infermierizzata di Sansepolcro, ambulanza della misericordia di  Sansepolcro, Vigili del Fuoco e carabinieri.

Immagine di repertorio

CASA A FUOCO, AL PRONTO SOCCORSO 81ENNE

Alle ore 17 in una abitazione a Sansepolcro in via Agio Torto si è verificato un incendio, per cause in via di accertamento, che ha coinvolto una persona, una donna di 81 anni.
La paziente è stata trasportata in codice giallo all'ospedale della Valtiberina.
Sul posto Auto infermierizzata di Sansepolcro, ambulanza della misericordia di Sansepolcro, Vigili del Fuoco e carabinieri.

Immagine di repertorio
... See MoreSee Less

TRAGEDIA SUL GRAN SASSO, PERDE LA VITA UN ARETINO 

Fine settimana terminato in tragedia sul Gran Sasso, due alpinisti perdono la vita. Uno di loro, Marco Paccosi, 42 anni, di Sansepolcro. 

https://www.sr71.it/2022/09/25/tragedia-sul-gran-sasso-perde-la-vita-un-aretino/

TRAGEDIA SUL GRAN SASSO, PERDE LA VITA UN ARETINO

Fine settimana terminato in tragedia sul Gran Sasso, due alpinisti perdono la vita. Uno di loro, Marco Paccosi, 42 anni, di Sansepolcro.

www.sr71.it/2022/09/25/tragedia-sul-gran-sasso-perde-la-vita-un-aretino/
... See MoreSee Less

IL GIORNO DOPO L’ACQUAZZONE

IL GIORNO DOPO L’ACQUAZZONE

💦La situazione al ponte di Cesa, a Marciano, dove si è alzato decisamente il livello dell'acqua a seguito delle forti precipitazioni.

Video realizzato da Graziano Ciofi con il suo drone
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Con quanto spendiamo per pulire i fiumi siamo a questo punto? Con 4 gocce d acqua ,rimanderei a scuola questi ingegneri

Il fiume ESSE a camucia è piena di canne ed erbacce se capita qualcosa voglio sentire cosa dicono .

Finalmente un po' di acqua era mesi che era a secco

Niente di che

Tutta quell'acqua proviene dall'esse , alle chianacce la chiana è come sempre , mentre l'esse è bello pieno !

Bene tenere monitorato , ma dalle immagini non mi sembra preoccupante

Forti le riprese col drone !Avanti!!!

Ci sono alberi ancora in piedi in mezzo al fiume

Grazie hai lavori fatti bene che durano anni e anni ancora.

Di solito quando piove i fiumi si ingrossano

Che belle le nostre campagne.

View more comments

Load more