fbpx

Valdarno, violentata dall’uomo conosciuto al bar. I carabinieri lo arrestano dopo ore di ricerche

Grazie all’estenuante lavoro ininterrotto dei Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno, in meno di 24 ore è stato possibile fare luce su un terribile episodio svoltosi la notte scorsa nel Valdarno Aretino. Un’indagine-lampo, come si suol dire, resa possibile grazie allo sforzo corale dei Carabinieri delle Stazioni e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno, che, mettendo in pratica i metodi di indagine più tradizionali, e soprattutto un grandissimo spirito di abnegazione, sono riusciti ad identificare immediatamente il reo.
Tutto è iniziato alle 1:30 circa, quando alla Centrale Operativa di San Giovanni Valdarno riceve una telefonata da parte di una donna, che, ancora fortemente scossa, segnala di aver appena sentito delle grida di aiuto provenire dall’abitazione di una vicina.
Immediatamente vengono inviati i soccorsi, che, nel volgere di alcuni interminabili minuti, giungono sul luogo della segnalazione, ove si trovano di fronte all’odioso scenario di una violenza sessuale. Grazie alle dichiarazioni dei testimoni e della vittima, sin da subito il quadro, agghiacciante, è estremamente chiaro: il giorno precedente la donna aveva trascorso la serata presso un bar del centro storico, ove aveva conosciuto un giovane, intrattenendovisi a parlare per tutta la serata. Rendendosi conto che si stavano facendo le ore piccole, la denunciante si era accomiatata e aveva fatto rientro a piedi presso la propria abitazione, distante solo poche centinaia di metri. Una volta giunta a casa, si era nuovamente trovata di fronte all’uomo conosciuto poco prima, che, con la forza, l’aveva costretta a farlo entrare a casa, e, successivamente, a consumare un rapporto sessuale, nonostante le ripetute grida di aiuto e i tentativi di divincolarsi della donna. Solo una volta sorpreso in flagranza da alcuni passanti, insospettiti dalle grida di aiuto della donna e dai rumori di colluttazione provenienti dall’abitazione, l’uomo si era frettolosamente rivestito e dato a precipitosa fuga a piedi.
A quel punto, i Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno, una volta affidata la vittima alle indispensabili cure dei sanitari, hanno immediatamente avviato le indagini, finalizzate a ricostruire compiutamente l’accaduto e ad individuare il colpevole. Sin da subito, le ricerche si sono incentrate su un soggetto, noto agli investigatori e corrispondente al profilo del reo, sia per descrizione, ma anche per analoghi precedenti di polizia. Nelle ricerche sono state coinvolte tutte le pattuglie in servizio nella notte; data la gravità del fatto, ad indirizzarle vi si aggiunge anche il Comandante di Stazione, coadiuvato dai giovani Carabinieri del piccolo centro valdarnese, benché in quel momento non in servizio. Lo sforzo è comune, e l’obbiettivo è unico: rintracciare il soggetto pericoloso ed impedirgli di nuocere ancora. I primi riscontri, però, danno esito negativo. Nessuna traccia del sospettato, che non viene trovato a casa, né, alle prime ore del mattino, presso il luogo di lavoro. Nel frattempo, i Carabinieri – coadiuvati anche dalla Polizia Municipale del luogo – proseguono con la certosina analisi delle telecamere private e comunali disseminate lungo l’itinerario che congiunge il bar dove la vittima aveva trascorso la serata con l’abitazione ove si era consumata la violenza. Un lavoro immenso, fatto dell’estrapolazione della visione di ore e ore di filmati, reso ancor più arduo dalla necessità del cosiddetto “azzeramento”, ossia di dover sincronizzare, ex-post, tutti gli orari degli svariati impianti analizzati. Un lavoro che è andato avanti fino alla tarda mattinata di giovedì. Un lavoro che ha dato però i suoi frutti, consentendo ai Carabinieri di ricostruire come, la sera precedente, la vittima, accingendosi a rincasare, fosse stata colpita da un malore, e fosse stata raccolta e ricondotta a casa da quello che, poco dopo, si sarebbe trasformato nel suo aggressore.
Identificato l’uomo, vengono immediatamente diramate le ricerche, cui partecipa, in uno sforzo corale, tutta l’Arma Valdarnese, compresi i Carabinieri Forestali. Da mesi, il sospetto si era sottratto all’obbligo di firma, misura cautelare cui era sottoposto per altri trascorsi penali. A casa non ve ne è traccia, e nemmeno nei luoghi solitamente frequentati. Infine, però, i militari riescono a localizzarlo, presso l’abitazione di un conoscente (risultato completamente all’oscuro dell’accaduto). Addosso ha ancora gli indumenti della notte precedente.
Il quadro indiziario, a quel punto, non lasciava più dubbi, e lo stesso dicasi per la sussistenza del pericolo che l’uomo potesse darsi alla fuga. Di conseguenza, il pregiudicato è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto, e, su disposizione della Procura della Repubblica di Arezzo, tradotto in carcere.

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
AREZZO: MINORE IN COMA ETILICO SOCCORSO NELLA NOTTE
È successo nei pressi di piazza San Domenico 👇🏻

https://www.sr71.it/2022/10/02/arezzo-minore-in-coma-etilico-soccorso-nella-notte-lallarme-dagli-amici/

AREZZO: MINORE IN COMA ETILICO SOCCORSO NELLA NOTTE
È successo nei pressi di piazza San Domenico 👇🏻

www.sr71.it/2022/10/02/arezzo-minore-in-coma-etilico-soccorso-nella-notte-lallarme-dagli-amici/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ma i genitori dove sono finiti? Possibile che questi ragazzi siano lasciati così liberi ? ......non si può lasciare specialmente un minorenne libero così senza controllo . Un genitore deve controllare quello che fa suo figlio o figlia è un suo dovere , non si può dare tutta questa libertà ,ci vogliono regole da rispettare da ambedue due le parti .

Io spero che si riprenda velocemente e non ci ricaschi. Roberto Pastonchi lei ha figli o nipoti? Se li ha le auguro che non gli succeda. Buonagiornata

😓🥺

Che schifo di mondo

View more comments

CONSIGLI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

CONSIGLI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

🥕🥩 "Zero Spreco” dalla parte dei consumi intelligenti, anche in cucina, e dell’impegno sociale al servizio di e ragazzi. Anche Aisa Impianti s.p.a si è unita a infatti a “COLORArte, sinergie arte e riuso 2022”, l'iniziativa di ToscanAbile, associazione per ragazzi con disabilità che ha scelto l’arte e la bellezza come mezzo di incontro, partecipazione e inclusione.

🎤 le interviste a Barbara Lapini, nutrizionista, e Salvatore Mauro presidente di Toscana Abile onlus
... See MoreSee Less

MALTEMPO, GIANI CHIAMA AGNELLI

Quasi 600 mila euro, per la precisione 580 mila euro, è il totale quantificato dei danni occorsi dopo il maltempo dello scorso 15 settembre. Nello specifico si tratta di 350 mila euro a immobili privati e di 230 mila a beni di proprietà pubbliche. 

Il comune di Castiglion Fiorentino ha chiesto alla Regione Toscana lo stato di Emergenza per gli eventi meteorologici dello scorso 15 settembre. 

https://www.sr71.it/2022/10/01/maltempo-giani-chiam-agnelli-il-comune-chiede-lo-stato-di-emergenza-per-gli-eventi-dello-scorso-15-settembre/

MALTEMPO, GIANI CHIAMA AGNELLI

Quasi 600 mila euro, per la precisione 580 mila euro, è il totale quantificato dei danni occorsi dopo il maltempo dello scorso 15 settembre. Nello specifico si tratta di 350 mila euro a immobili privati e di 230 mila a beni di proprietà pubbliche.

Il comune di Castiglion Fiorentino ha chiesto alla Regione Toscana lo stato di Emergenza per gli eventi meteorologici dello scorso 15 settembre.

www.sr71.it/2022/10/01/maltempo-giani-chiam-agnelli-il-comune-chiede-lo-stato-di-emergenza-per-gl...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ora paga Salvini che problemi ci sono.

x come si occupano del territorio gli enti addetti e successo poco, adesso chiedete la calamità alla regione, dovrebbero essere i cittadini a prendere i responsabili a calci nel culo visto che si mangiano tutti i nostri soldi

Avevi a usarli bene prima invece di intascarli ladro

CORTONA IN PIAZZA A SOSTEGNO DELLE DONNE IRANIANE

Cortona scende in piazza a sostegno delle donne e del popolo Iraniano.

📹 le immagini della manifestazione in piazza del comune a Cortona

🎤le parole di Mina Azmoodeh, iraniana residente a Cortona dal 2015
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Donna vita libertà

Donna vita libertà

✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻

Bellissima iniziativa e pieno sostegno alle donne di tutto il mondo.... L'unica cosa che però Andrebbe spiegata a questa ragazza è che in questo caso il fascismo c'entra come i cavoli a merenda..... Il problema è religioso e non politico.....

View more comments

MASCHERINE NON PIÙ OBBLIGATORIE SUI MEZZI PUBBLICI 

Da oggi decade l’obbligo per l’uso delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, treni, bus, metro, traghetti e aerei. Rimane l’obbligo, fino al 31 ottobre, per lavoratorio, utenti e visitatori per accedere a strutture sanitarie, RSA, strutture socio sanitarie e residenze per anziani.

MASCHERINE NON PIÙ OBBLIGATORIE SUI MEZZI PUBBLICI

Da oggi decade l’obbligo per l’uso delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, treni, bus, metro, traghetti e aerei. Rimane l’obbligo, fino al 31 ottobre, per lavoratorio, utenti e visitatori per accedere a strutture sanitarie, RSA, strutture socio sanitarie e residenze per anziani.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Una gran c...a

BENTORNATA SINDACA!

🇮🇹Marciano della Chiana, dopo lunga assenza il Sindaco Maria De Palma sarà presente al prossimo consiglio comunale 👇

https://www.sr71.it/2022/09/30/marciano-della-chiana-dopo-lunga-assenza-il-sindaco-maria-de-palma-torna-sul-ponte-di-comando/

BENTORNATA SINDACA!

🇮🇹Marciano della Chiana, dopo lunga assenza il Sindaco Maria De Palma sarà presente al prossimo consiglio comunale 👇

www.sr71.it/2022/09/30/marciano-della-chiana-dopo-lunga-assenza-il-sindaco-maria-de-palma-torna-s...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Un abbraccio Maria!!!

Un forte abbraccio Maria!!😘

Bentornata 🍀🍀

Bentornata ❤️😘

Bentornata 😘

Bentornata

Bentornata sindaca

Io direi, bentornata sindaca

👏👏👏👏

👏👏👏👏

Ciao, scusa per questo modo di contattarmi, ho appena visto il tuo profilo e ho pensato che tu fossi la persona di cui avevo bisogno. In breve, mi chiamo Marie Stella, sono di origine olandese e vivo in Francia. Soffro di una grave malattia che mi sta condannando a morte certa, è un cancro alla gola e ho una somma di 500.000 euro che vorrei donare a una persona affidabile e onesta per farne buon uso. Possiedo un'attività di importazione di petrolio rosso in Francia e ho perso mio marito 6 anni fa, il che mi ha colpito duramente e non ho potuto risposare fino ad oggi, non avevo figli. Vorrei fare una donazione di questo importo prima di morire in modo che i miei giorni siano contati perché non ho una cura per questa malattia, ma un tranquillante in Francia non vuole sapere se puoi beneficiare di questa donazione. Ecco il mio numero WhatsApp: +40 752 627 234 Dio ti benedica 🙏🙏🙏🙏

View more comments

Load more