fbpx

La scomparsa di Gian Carlo Ristori, il cordoglio del Comune di Cortona e dell’associazione Organi storici

L’Associazione per il Recupero e la Valorizzazione degli Organi Storici della Città di Cortona annuncia ai propri soci e alla comunità cortonese tutta la scomparsa del suo fondatore e presidente, l’ing. Gian Carlo Ristori. Esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia Ristori.

Dopo la maturità classica conseguita a Cortona, Ristori si laurea in Ingegneria Industriale all’Università di Pisa. Per decenni ha fatto parte di una delle maggiori società petrolifere operanti a livello internazionale. A partire dal 2000 è più assidua la sua presenza in Cortona, dove si impegna attraverso la fondazione e la direzione dell’AssOrgani nel recupero del patrimonio storico-artistico della città.

Tra le sue opere, “Cortona. Poteri e società ai confini della Toscana. XV e XVI secolo” (2008, traduzione e adattamento italiano di “Cortona, pouvoirs e societé aux confins de la Toscane. XV-XVI siècle” della storica Céline Perol); “Antichi Organi della Città di Cortona” (2011), “Sentieri di gloria. Ufficiali e soldati cortonesi nella guerra 1915-1918” (2017). Il 2 giugno scorso è stato presentato il suo ultimo volume, in cui si celebra la conclusione dei restauri della Cappella dei Caduti affrescata da Osvaldo Bignami nella Basilica di Santa Margherita: “Cortona, i luoghi della Memoria. Guerra 1915-1918”. Già stampati, ma in attesa di presentazione, altri due suoi contributi: “Miscellanea Cortonese”, raccolta illustrata di approfondimenti su personaggi minori della storia cortonese (2020), e “Antologia Signorelliana”, silloge della critica relativa a Luca Signorelli accompagnata dalle riproduzioni di tutte le sue opere ancora presenti a Cortona (2021).

«A nome dell’Amministrazione comunale esprimo profondo cordoglio per la scomparsa di Gian Carlo Ristori», così il sindaco Luciano Meoni dopo la notizia della morte del presidente e fondatore dell’Associazione per il Recupero e la Valorizzazione degli Organi Storici della Città di Cortona.
«Una persona da sempre impegnata in favore del patrimonio culturale, l’ingegner Ristori – prosegue Meoni – è stato autore di pubblicazioni che danno lustro alla nostra città e protagonista di interventi di restauro degli organi cortonesi e di altre iniziative fra cui è impossibile non ricordare il restauro della statua di Santa Margherita in piazza Duomo e quello degli affreschi della cappella dei Caduti della Basilica di Santa Margherita. Cortona ha perso uno dei personaggi più attivi per la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico».
«Non mancherà il ricordo dell’Amministrazione comunale ad una personalità che ha restaurato la totalità degli organi storici cortonesi, instancabile filantropo verso tutte le arti», dichiara l’assessore alla Cultura Francesco Attesti.
Ai familiari di Ristori le più sincere condoglianze dell’Amministrazione comunale.