fbpx

Lucignano, tornano le pale d’altare. Erano nei depositi della Soprintendenza di Arezzo, ora il restauro

Con una certa emozione finalmente due importanti #opere in origine custodite nella bellissima San Francesco sono tornate a #Lucignano.
Tenute in custodia da circa metà degli anni ’70, nei depositi di Arezzo della soprintendenza, così il Sindaco Roberta Casini e l’amministrazione lucignanese, si sono prodigati per il loro rientro, sotto l’attenta supervisione della funzionaria Jane Donnini e delle restauratrici Nadia Innocentini e Alessandra Gorgoni.

La prima opera è “Il battesimo di Cristo”, d’autore ignoto (320×210 cm) sec. XVII . Il dipinto che inaugura la lunga stagione della Riforma in San Francesco che ai primi del ‘900 si trovava nel primo altare della parete sinistra.
La seconda opera è “Stimmate di San Francesco”, d’autore ignoto (320×210 cm) sec. XVII . La cappella della Maddalena fu smantellata da Castellucci insieme all’altare maggiore, imponente opera di diretta commissione Granducale del 1665 su disegno di Giovanni Antonio Mazzuoli da Siena.

Curiosamente tale sorte non toccò alla cappella di San Francesco , dall’altro lato, che mantenne il proprio allestimento seicentesco fino agli anni 70 dello scorso secolo, quando la pala , raffigurante le Stimmate di San Francesco venne rimossa e ricoverata nei depositi della Soprintendenza di Arezzo.

I dipinti necessitano di #restauro , sarà attivato un percorso di raccolta fondi su più canali per raggiungere l’obiettivo, come il #crowdfunding e altri strumenti ministeriali a disposizione, come l’art bonus. Il restauro, una volta che ci saranno i presupposti per l’avvio, avverrà sotto gli occhi di tutti direttamente dentro la chiesa, così da poterne ammirare il ritorno al suo splendore
Crediamo che tornare a rendere visibili questi capolavori, appartenenti alla nostra cultura artistica e ricollocati nella loro sede d’origine sia un impegno di lunga visione per lasciare ai nostri posteri, un patrimonio ricco di bellezze e testimonianze per proseguire il suo viaggio nella storia.