fbpx

Sei positivi su quasi 900 tamponi, ecco il bilancio dello screening Covid19 a Lucignano

“Ancora un appuntamento riuscito e che ci dà risposte importanti, dichiara Antonio D’Urso DG della USL Toscana Sud Est.
I territori dei comuni come Lucignano vicini al confine con altre regioni in queste settimane sono stati coinvolti da una diffusione importante del Virus e delle varianti. La due giorni di screening ci ha permesso di avere un quadro più chiaro di come si stia diffondendo il Covid e di individuare gli asintomatici, che rappresentano l’anello più forte di contagio.
Ci aspettano ancora settimane difficili e di grande preoccupazione, ma la metodologia attivata con Territori Sicuri, ovvero quella di intervenire tempestivamente e censire intere popolazioni si sta rivelando un’arma vincente per interrompere il contagio. Il nostro lavoro di ricerca del virus proseguirà sempre con intensità e probabilmente anche con altri appuntamenti di Territori Sicuri in altri comuni, perchè purtroppo il virus è ancora molto presente.”

“Territori Sicuri, afferma Roberta Casini Sindaca di Lucignano, è stata una grande opportunità per la nostra comunità, i risultati fortunatamente sono molto buoni e spero davvero che ci abbiamo permesso di isolare prontamente i positivi onde evitare ulteriore contagio.
Ringrazio il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani per la sua presenza e vicinanza, il Direttore Generale della USL TSE Antonio D’urso e tutto il personale della Toscana Sud Est per l’ottima organizzazione, i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per aver dato la loro fondamentale disponibilità e ringrazio infine tutti i volontari delle associazioni che come sempre ci supportano con il loro prezioso lavoro.
Sono stati due giorni intensi ma nei quali ho sentito tutto il senso di appartenenza ad una comunità, grazie a tutti i cittadini che hanno contribuito a rendere il nostro comune decisamente più sicuro.”

Il progetto “Territori sicuri” è promosso dalla Regione Toscana con Anci, Upi, Misericordie, Pubbliche Assistenze Riunite e Croce Rossa Italiana, insieme agli operatori sanitari, la medicina generale e la pediatria di famiglia, oltre ad Ars Toscana, alle Asl e alle Società della salute.