fbpx

Bambina resta sola alla fermata dello scuolabus, la madre portata in ospedale

#bambina #foiano #poliziamunicipale #scuolabus➡️ ecco cosa è successo https://www.sr71.it/2018/11/22/bambina-resta-sola-alla-fermata-dello-scuolabus-la-madre-portata-in-ospedale/

Pubblicato da SR 71 su Giovedì 22 novembre 2018

Momenti di apprensione a Foiano della Chiana quando l’autista dello scuolabus durante il giro per accompagnare i bambini a casa, alle 13.45 comunicava telefonicamente alla Polizia Municipale che ad una fermata di Foiano della Chiana, non si era presentato nessuno al ritiro di una bambina di 10 anni della scuola elementare.
Erano già trascorsi 30 minuti da quando l’autista aveva provato inutilmente a contattare telefonicamente la madre, una 30enne residente a Foiano, che vive sola con le due figlie. L’autista completato il giro con lo scuolabus, si fermava nuovamente al termine del percorso sul luogo prestabilito per la discesa della bambina in attesa che arrivasse un familiare. L’autista aveva cercato inoltre di contattare la donna presso l’abitazione chiedendo ad un condomino di suonare al campanello ma inutilmente.
Giunti sul posto, gli Agenti di Polizia Municipale, cercavano
nuovamente di rintracciare la donna suonando il campanello più volte e chiamando il numero cellulare della madre, fornito dall’autista
dello scuolabus, senza alcuna risposta. Gli agenti per far continuare il servizio di trasporto scolastico prendevano in affidamento la bambina e la accompagnavano presso il Comando, dove
vista l’ora, provvedevano al pranzo, affidandola poi ad un agente donna che la intratteneva facendole fare compiti e disegni.
Nel frattempo gli agenti si adoperavano alla ricerca della donna, contattavano gli ospedali della Fratta di Cortona, di Arezzo e di Nottola-Montepulciano, infine il 118 per verificare l’eventuale
presenza della sig.ra e dell’altra figlia, più piccola, che aveva riferito la bambina era stata male durante la notte, senza alcun esito. Collaboravano alle ricerche anche i carabinieri della locale
stazione.
La Polizia Municipale procedeva poi a cercare tra i conoscenti della madre, e la scuola, ma non individuavano persone in grado di riferire dove potesse essere, ed inutili erano i tentativi di
rintraccio anche da parte delle maestre della scuola.
Tramite consultazione delle banche dati risalivano poi alla targa del veicolo di proprietà della signora, riuscendo ad individuare il veicolo in sosta non lontano dall’abitazione, pertanto gli agenti, ritenendo che la donna avesse avuto un malore, decidevano di tornare nuovamente all’appartamento, suonando e cercando segni della presenza di qualcuno in casa, fin quando non si accendeva una luce all’interno, in quel momento bussando con forza alla finestra chiusa, gli agenti riuscivano a farsi aprire, richiedendo spiegazioni in merito alle circostanze che avevano impedito alla donna di prendere la figlia alla fermata dello scuolabus. La stessa, appariva confusa, in merito al motivo per cui non si era recata a prendere la figlia, ricordava di essersi addormentata, dopo aver preso dei farmaci, e di non aver sentito nè campanello nè telefono
perché messo in modalità silenziosa.
Prima di procedere alla riconsegna della bambina veniva richiesto l’ausilio di personale medico del 118 onde verificare lo stato psicofisico della sig.ra, che appariva non completamente lucida.
Effettuati gli accertamenti medici, e ripresa cognizione della situazione, si procedeva a riconsegnare alla madre la bambina, la quale dopo aver trascorso una giornata diversa in compagnia degli agenti del comando, ringraziava dell’accoglienza con un bel disegno.
Della vicenda sono stati interessati i servizi sociali e la Procura della Repubblica per la valutazione del reato di abbandono di minore.

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
INNEGGIAVA AL DUCE CON DELLE SCRITTE SUL FURGONE: DENUNCIATO

Si tratta di un uomo di 40 anni, residente in Casentino. Sul suo furgone aveva delle scritte inneggianti il Duce, cosi come nei pressi della sua abitazione erano presenti delle pietre con scolpita sia la parola Dux sia la Ss. Per luomo è scattata la denuncia per apologia al fascismo.

INNEGGIAVA AL DUCE CON DELLE SCRITTE SUL FURGONE: DENUNCIATO

Si tratta di un uomo di 40 anni, residente in Casentino. Sul suo furgone aveva delle scritte inneggianti il Duce, cosi come nei pressi della sua abitazione erano presenti delle pietre con scolpita sia la parola "Dux" sia la "Ss". Per l'uomo è scattata la denuncia per apologia al fascismo.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Dura lex sed lex. Non mi pronuncio sulla norma del codice penale, peraltro da voi erroneamente riportata, in quanto essendo legge dello stato non spetta a me criticarla. Tuttavia mi sorgono alcune perplessità; in primis, ma davvero non ci sono altre notizie da riportare? In secondo luogo, ma davvero le nostre forze dell'ordine non hanno problemi più urgenti da affrontare che non andare in prossimità dell'abitazione di un denunciato per cercare delle pietre con delle incisioni equivoche?

Ma mi domando ognuno di noi non è libero di dire e pensare.

È reato.

Che. Notiziona mamma mia.... E soprattutto che bella democrazia che è l'Italia

WLF non piace più a nessuno che tristezza

Io voglio anche ľapologia al comunismo!

Dividi et impera.

Che notiziona 😅

Ci sono "consiglieri comunali" con tatuaggi che riguardano Benito Mussolini, ci si scandalizza per cosa? De che se parla? Quello no ma quell'altro si..siamo il bel paese..

Jovanotti canta viva la libertà peccato che sia dolo una splendida canzone

Ok facciano pure la denuncia ma poi vadano a prendere a casa anche Giuseppe Conte che sono giorno che invoca la piazza ed il disordine per il RDC. Ipocrita schifoso.

Marco Dragoni

Mentre chi inneggia oggi al comunismo e soprattutto alle cooperative rosse sponsorizzate da pantalone quello sì va più che bene ehhh

Il disagio sociale è forte

ma i manifestanti che inneggiavano la morte della Meloni,sono tutti liberi, come mai?

View more comments

SINDACO, GRAZIE È STATO IL REGALO PIÙ BELLO DI TUTTI!

Così Roberto Benigni. Sì proprio lui. Dallaltra parte Mario Agnelli che quasi stava per non rispondere, ero in bici in una bella domenica mattina e poi mi ha chiamato un numero sconosciuto: chi se lo aspettava?. E invece, ne è venuta fuori unaltra chiacchierata con il Premio Oscar che, con voce cordiale e affettuosa, ha ringraziato il primo cittadino per il regalo fatto. Ma quale? Ora ci arriviamo 👇

🖋 di Luca Amodio

https://www.sr71.it/2022/11/27/grazie-sindaco-mi-ha-fatto-il-regalo-piu-bello-benigni-chiama-il-sindaco-agnrlli/

"SINDACO, GRAZIE È STATO IL REGALO PIÙ BELLO DI TUTTI!"

Così Roberto Benigni. Sì proprio lui. Dall'altra parte Mario Agnelli che quasi stava per non rispondere, "ero in bici in una bella domenica mattina e poi mi ha chiamato un numero sconosciuto: chi se lo aspettava?". E invece, ne è venuta fuori un'altra chiacchierata con il Premio Oscar che, con voce cordiale e affettuosa, ha ringraziato il primo cittadino per il regalo fatto. Ma quale? Ora ci arriviamo 👇

🖋 di Luca Amodio

www.sr71.it/2022/11/27/grazie-sindaco-mi-ha-fatto-il-regalo-piu-bello-benigni-chiama-il-sindaco-a...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Mica pizza e fichi!!!!

Solo a te Mario riescono tutte.

chi viene viene e chi non viene non c'e ...

INIZIA IL NATALE A CORTONA

INIZIA IL NATALE A CORTONA

🎄🧑‍🎄Cortona, Babbo Natale sulla Zipline accende «Natale di Stelle». Oggi l’inaugurazione 👇

www.sr71.it/2022/11/27/inaugurato-natale-di-stelle-zipline-videomapping-e-spettacoli-accendono-le...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Che meraviglia!! Bella Cortona addobbata x le feste Natalizie!

Stupenda la mia cortona

SCONFIGGERE LA VIOLENZA DI GENERE DI CORSA

SCONFIGGERE LA VIOLENZA DI GENERE DI CORSA

🏃🏻‍♀️🏃🏻‍♀️Seconda edizione della “City Trail”: oltre 200 atleti in gara nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 👇

www.sr71.it/2022/11/26/sconfiggere-la-violenza-di-genere-di-corsa/
... See MoreSee Less

IL FINE SETTIMANA DELL’OLIO

IL FINE SETTIMANA DELL’OLIO

🫒 è cominciato il fine settimana dell'olio a Castiglion Fiorentino, l'iniziativa che coinvolge ristoranti ed aziende 👇
... See MoreSee Less

“DEVO FARE QUELLO CHE MI CHIEDE IL MIO DIO”: PAKISTANO SI SCAGLIA CONTRO GLI AGENTI. FERMATO COL TASER

è successo ad Arezzo: 
 
​https://www.sr71.it/2022/11/26/devo-fare-quello-che-mi-chiede-il-mio-dio-pakistano-si-scaglia-contro-gli-agenti-fermato-col-taser/

“DEVO FARE QUELLO CHE MI CHIEDE IL MIO DIO”: PAKISTANO SI SCAGLIA CONTRO GLI AGENTI. FERMATO COL TASER

è successo ad Arezzo:

​https://www.sr71.it/2022/11/26/devo-fare-quello-che-mi-chiede-il-mio-dio-pakistano-si-scaglia-contro-gli-agenti-fermato-col-taser/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Mi preoccupa la bolletta.... o vedrai che botta 😉 A parte gli scherzi....forse abbiamo trovato il vero compromesso tra un 'ingaggio" a mani nudo e/o con la pistola.

Se tutte le volte facevo quello che diceva il mio Dio, avevo riempito un cimitero.

Ci sono oltre 3000 divinità riconosciute sulla Terra ......e Pastafran è il più grande di tutti ! Buon Sugus

si va bene vai!!!!

Mo vo voglio vede che gli fanno

ora si vedi

Non voglio sbilanciare più di tanto. poi FB mi blocca il profilo quando dico o scrivo come la penso io, in maniera diversa andate a fa in culo a casa vostra stronzi. E non sono razzista

Quello che ti dice il tuo dio fallo a casa tua.... Coglioneeee

Ataccatelo al tiro

Fra Deglie Beefy

e quale sarebbe il suo dio??... che ritorni nel suo amato paese dove se dici questa falsità ti tagliano la testa..

Lo rimandassero a casa sua dal suo dio!

View more comments

Load more