fbpx

Spari in aria e pugni, panico in centro. Arrestato dai carabinieri

La nota dei militari
I Carabinieri della Stazione di Terranuova Bracciolini insieme ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile – Aliquota Operativa della Compagnia hanno arrestato ieri un italiano, di origini campane, per i reati di minaccia aggravata, lesioni aggravate, detenzione illegale di arma comune da sparo, porto illegale di arma in luogo pubblico ed esplosione di colpi d’arma da fuoco in luogo pubblico.
Le indagini, condotte in maniera molto rapida e serrata, hanno avuto inizio un sabato di inizio settembre, quando sul numero unico di emergenza 112 erano pervenute delle allarmate richieste di aiuto, per un uomo armato di pistola nel parcheggio esterno di un noto locale di Terranuova Bracciolini.
Immediatamente sul posto la centrale inviava la pattuglia disponibile dei Carabinieri di Castelfranco Piandiscò, salvo poi dirottarla subito dopo verso una via del centro di Montevarchi, dove altre telefonate di persone allarmate segnalavano chiaramente l’esplosione di colpi d’arma da fuoco in una via del centro della cittadina valdarnese.
La pattuglia, giunta sul posto, poteva constatare, effettivamente, la presenza di diversi bossoli calibro 9 x 21 sulla carreggiata che prontamente venivano repertati; subito dopo, i militari si portavano all’esterno del locale pubblico prima indicato, dove raccoglievano importanti elementi utili per risalire alla persona che aveva causato la lite, descritta come armata di pistola.
La centrale operativa della Compagnia valdarnese avvisava nel frattempo il Comandante della Compagnia ed altro personale reperibile per dare supporto al personale in turno esterno: tutto il personale, anche in abiti civili, adottando le opportune cautele dotandosi di arma lunga e giubbetto antiproiettile, si metteva all’immediata ricerca del soggetto armato.
I primi elementi raccolti, riferivano di una lite tra una famiglia di origini campane, che si trovava all’interno del locale per trascorrere la serata, ed un ragazzo straniero: un diverbio nato probabilmente da un complimento frainteso ad una figlia minore della famiglia. Uscito dal locale alla ricerca della persona che poteva aver dato fastidio alla minore, l’uomo ha colpito con un pugno una persona ignara, tranquillamente seduta nella sua auto, cagionandogli una ferita che ha richiesto l’intervento dei sanitari. Successivamente, anche armato di pistola, il diverbio continuava con personale di vigilanza al locale, per poi allontanarsi unitamente alla famiglia.
Le prime attività d’indagine avevano portato ad una immediata perquisizione alla ricerca di armi presso l’abitazione del soggetto, con esito negativo. Gli ulteriori accertamenti, compiuti a stretto giro dai militari valdarnesi, portavano a raccogliere elementi sufficienti a ritenere che fosse stato proprio l’uomo a sparare in aria – per motivi al momento ignoti – dei colpi d’arma da fuoco in Montevarchi, qualche minuto dopo la conclusione della lite.
La pistola non è stata rinvenuta mentre per l’uomo campano sono scattate le manette, a seguito di una ordinanza di custodia cautelare firmata dal GIP del Tribunale di Arezzo.

Nuovi casi quotidiani

Nuovi casi settimanali

Ricoverati Covid San Donato

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
13 hours ago

COVID19, RISALITA A 97 NUOVI CONTAGI IN PROVINCIA: 22 AD AREZZO E 13 IN VALDICHIANA. ANCORA FOCOLAI A SANSEPOLCRO. DUE DECESSI AL SAN DONATO.
www.sr71.it/2021/05/14/covid19-report-97-4/
... See MoreSee Less

13 hours ago

IL PROFESSOR ALESSANDRO BARBERO FA VISITA AL MUSEO DI LUCIGNANO

Il Professor Alessandro Barbero Storico, lo storico che ha incantato il web con le sue pillole del passato, ha fatto visita al museo di Comune di Lucignano.

Dopo aver ammirato #trionfodellamorte è stato guidato tra le altre bellezze artistiche fino l’Albero D’oro, dove ha scattato questa foto con il Sindaco Roberta Casini.
... See MoreSee Less

IL PROFESSOR ALESSANDRO BARBERO FA VISITA AL MUSEO DI LUCIGNANO

Il Professor Alessandro Barbero Storico, lo storico che ha incantato il web con le sue pillole del passato, ha fatto visita al museo di Comune di Lucignano.

Dopo aver ammirato #trionfodellamorte è stato guidato tra le altre bellezze artistiche fino l’Albero D’oro, dove ha scattato questa foto con il Sindaco Roberta Casini.Image attachment
14 hours ago

AREZZO, CHIUDE ALLEVAMENTO. APPELLO PER L’ADOZIONE DEGLI ANIMALI

www.sr71.it/2021/05/14/arezzo-allevamento-etico-appello-adozioni/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Salve mi può mandare il suo numero???

Lara a casa dei tuoi ci starebbero da Dio!!

16 hours ago

CASTIGLION FIORENTINO, APPROVATO IL RENDICONTO: MEZZO MILIONE DI AVANZO

📊 Comune di Castiglion Fiorentino www.sr71.it/2021/05/14/castiglion-fiorentino-approvato-rendiconto/
... See MoreSee Less

CASTIGLION FIORENTINO, APPROVATO IL RENDICONTO: MEZZO MILIONE DI AVANZO

📊 Comune di Castiglion Fiorentino https://www.sr71.it/2021/05/14/castiglion-fiorentino-approvato-rendiconto/
18 hours ago

AREZZO, BAMBINI E MALATTIE CRONICHE, IL PROGETTO DI LUCREZIA VINCE IL PREMIO DELLA FEDERAZIONE INFERMIERI

Lucrezia ha compiuto 14 anni l’8 maggio. “La mia ragazza è caparbia ma anche sorridente ed estremamente combattiva. Piange solo quando sta veramente male”. Mamma Tessa spiega che non tutti i bimbi disabili sono eguali perché ognuno ha il suo carattere. E quello di Lucrezia è forte. Sorride ma nella sua breve storia ci sono 16 broncopolmoniti: la prima a 4 mesi. Diversi ricoveri in terapia intensiva. Crisi epilettiche. Difficoltà con l’udito, la vista, l’alimentazione. Un solo mese apparentemente privo di problemi: il primo della vita.
“Dal secondo mese ha cominciato a manifestare i problemi che poi si sarebbero aggravati con il tempo – racconta mamma Tessa. Un primo mese di terapia intensiva, poi le crisi epilettiche. A sette mesi il sondino per l’alimentazione. Dalle terapie intensive alla neuropsichiatria infantile”.

www.sr71.it/2021/05/14/bambini-malattie-croniche-lucrezia-arezzo/
... See MoreSee Less

Load more