fbpx

Fair play, consegnate le borse di studio. Tutti i premiati

No al bullismo e sì ai valori della sana e corretta competizione.
Su questo principio si è fondata l’edizione numero nove del Concorso Borse di studio “Fair Play, etica e sport” indetto dall’Associazione Premio Internazionale Fair Play in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale.
All’interno della Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo si è svolta la cerimonia di consegna che, come sempre, rappresenta il primo step verso quello che sarà l’appuntamento clou dell’estate aretina: la XXII edizione del Premio Internazionale Fair Play-Menarini, la tre giorni dedicata ai big dello sport italiano ed internazionale (17,18 e 19 luglio Castiglion Fiorentino).

Noemi Biagini, studentessa del Liceo scientifico Francesco Redi di Arezzo che per i buoni risultati sportivi ed ottimi rendimenti scolastici la sera del 19 luglio riceverà il Premio Fair Play assieme a tanti big dello sport mondiale nella categoria “Studio e sport” ed avrà inoltre la possibilità di trascorrere un week end presso il centro sportivo delle Fiamme Gialle ad Ostia per allenarsi con i grandi campioni del centro .
Questa categoria di premio è stata indetta in collaborazione con il centro sportivo delle Fiamme Gialle e l’Associazione Premio Fair per valorizzare studenti e giovani atleti con la speranza di aprire loro la porta per un futuro agonistico migliore
A dare il benvenuto ai ragazzi degli istituti aretini sono stati Eleonora Ducci, vicepresidente della Provincia e il presidente e vice dell’associazione Premio Fair Play Mecenate, Angelo Morelli e Chiara Fatai.
“Questa è la Sala dei Grandi che mi piace – ha esordito Eleonora Ducci – piena di ragazzi e ragazze, del nostro futuro. Rispettare le regole, saper giocare in maniera corretta e sapere accettare anche le sconfitte devono essere alla base non solo del mondo dello sport ma anche della vita quotidiana. Mi complimento con gli organizzatori perché da nove anni inaugurano un evento di prestigio internazionale come il Premio Fair Play”.
Il tema centrale sul quale si sono confrontati i giovani è stato il fenomeno del bullismo.
Grande partecipazione anche per l’ormai consueto contest “L’Essenza del Fair Play” che ha chiamato all’opera gli studenti delle scuole medie e superiori i quali hanno prodotto elaborati social diventati un messaggio per diffondere la mission del Premio.
“Con questo appuntamento – spiegano Angelo Morelli e Chiara Fatai – diamo il via ufficiale alla lunga maratona che ci conduce fino alla serata conclusiva del Premio Internazionale Fair Play – Menarini. Diffondere i valori della sana e corretta competizione tra i più giovani è sempre stato per noi uno dei principi base del nostro operato. La partecipazione delle scuole aretine non si è mai fatta desiderare ed ogni anno in centinaia rispondono proponendo i loro elaborati e le loro creazioni. Un momento di confronto importante al quale non abbiamo intenzione di rinunciare ma al contrario vorremmo continuare a coltivare con sempre più impegno ed energia”.

Tutti i nomi dei premiati
SCUOLE ELEMENTARI, tema “La pace possibile”
1°- Classe 1^ A° Scuola primaria “Ten. Luigi Orlandi” – San Giustino Valdarno
Istituto Comprensivo Statale Loro Ciuffenna
2° – Classe 4° A Scuola primaria “Ten. Luigi Orlandi” – San Giustino Valdarno
Istituto Comprensivo Statale Loro Ciuffenna
3° – Classe 3° Scuola primaria “Ten. Luigi Orlandi” – San Giustino Valdarno
Istituto Comprensivo Statale Loro Ciuffenna

SCUOLE MEDIE INFERIORI, tema “Inquadra il fenomeno del bullismo indicando il contesto in cui si sviluppa, i motivi che lo determinano e le possibili strategie d’intervento per contenerlo”
1° – 3^D Istituto Comprensivo Statale Martiri di Civitella – Badia al Pino
Titolo video “ Have a good day”
2° – Classe 2° B Istituto Comprensivo Cesalpino e la classe 2° B Istituto Comprensivo “Mochi” di Levane.
3° – Classe 3° B Istituto Comprensivo Cesalpino con il video “Un bullo per amico”
“Per il bel lavoro svolto in video. Per la ricerca applicata ai temi del BULLISMO”
Classe 3°H Istituto Comprensivo Cesalpino

SCUOLE MEDIE SUPERIORI, tema “Bullismo: un problema aperto di difficile risoluzione”. Capita sempre più spesso di sentire parlare di “bullismo” per biasimare certi atteggiamenti che i ragazzi più rissosi rivelano nei confronti dei loro compagni di classe. Prova a spiegare le caratteristiche del fenomeno, individuandone le soluzioni.
1°- CAROLINA BINDI Classe 2^ Z Liceo Scientifico F. Redi Arezzo
Bullismo fra realtà e tecnologia
NICCOLO’ VENCATO Classe 2^ Z Liceo Scientifico F. Redi
La violenza del bullo : il metodo di chi non ha cervello

2° – ANNA ERTI Classe 3^ B Liceo Scientifico F. Redi Arezzo, “Un’utopia irrealizzabile”
BUTT NOOR Classe 1^ R Liceo Scientifico F. Redi Arezzo “Prigione”
3° – Baccarri Eleonora – Peja​Miradie, ITE Francesco Lavarello di Cortona, “Stop bullying”

CONTEST “’L’Essenza del Fair Play”
1° – Classe 3^ E Istituto Comprensivo Cesalpino, “El rap de los valientes”
2° – Sara Dini, Enrico Maestri, Thomas Bartolini, Paolo Saloni
Classe 4m2 Liceo Artistico Piero Della Francesca di Arezzo
“Lascia un segno con Fair Play”
– Aurora Parenti, Lapo Maria Bresci, Luca Fabbriciani, Alessia Meoni, Martina Tavanti
Classe 4m2 Liceo Artistico Piero Della Francesca di Arezzo
“Non mollare tutto insegna”

– Maria Osanna Russo, Sonia Peruzzi, Sofia Vigiani, Federica Bindi, Manuel Meli
Classe 4m2 Liceo Artistico Piero Della Francesca di Arezzo
“Fair Play – Tutti gli sport devono mirare all’uguaglianza”
3° – Classe 1^ D Scuola Margherita Hack Ponticino, “Noi di 1° D”
PREMIO FIAMME GIALLE – “Studio e Sport”
Noemi Biagini, Classe 1^ T Liceo Scientifico F. Redi (Atletica Leggera)
Aurora Mafucci, Liceo Classico F. Petrarca Arezzo (Hockey on line)
Casi Giovanni, Liceo Scientifico F. Redi (Karate)

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
INNEGGIAVA AL DUCE CON DELLE SCRITTE SUL FURGONE: DENUNCIATO

Si tratta di un uomo di 40 anni, residente in Casentino. Sul suo furgone aveva delle scritte inneggianti il Duce, cosi come nei pressi della sua abitazione erano presenti delle pietre con scolpita sia la parola Dux sia la Ss. Per luomo è scattata la denuncia per apologia al fascismo.

INNEGGIAVA AL DUCE CON DELLE SCRITTE SUL FURGONE: DENUNCIATO

Si tratta di un uomo di 40 anni, residente in Casentino. Sul suo furgone aveva delle scritte inneggianti il Duce, cosi come nei pressi della sua abitazione erano presenti delle pietre con scolpita sia la parola "Dux" sia la "Ss". Per l'uomo è scattata la denuncia per apologia al fascismo.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

È reato.

Dura lex sed lex. Non mi pronuncio sulla norma del codice penale, peraltro da voi erroneamente riportata, in quanto essendo legge dello stato non spetta a me criticarla. Tuttavia mi sorgono alcune perplessità; in primis, ma davvero non ci sono altre notizie da riportare? In secondo luogo, ma davvero le nostre forze dell'ordine non hanno problemi più urgenti da affrontare che non andare in prossimità dell'abitazione di un denunciato per cercare delle pietre con delle incisioni equivoche?

Ma mi domando ognuno di noi non è libero di dire e pensare.

WLF non piace più a nessuno che tristezza

Che. Notiziona mamma mia.... E soprattutto che bella democrazia che è l'Italia

Ci sono "consiglieri comunali" con tatuaggi che riguardano Benito Mussolini, ci si scandalizza per cosa? De che se parla? Quello no ma quell'altro si..siamo il bel paese..

Jovanotti canta viva la libertà peccato che sia dolo una splendida canzone

Ok facciano pure la denuncia ma poi vadano a prendere a casa anche Giuseppe Conte che sono giorno che invoca la piazza ed il disordine per il RDC. Ipocrita schifoso.

Mentre chi inneggia oggi al comunismo e soprattutto alle cooperative rosse sponsorizzate da pantalone quello sì va più che bene ehhh

ma i manifestanti che inneggiavano la morte della Meloni,sono tutti liberi, come mai?

View more comments

SINDACO, GRAZIE È STATO IL REGALO PIÙ BELLO DI TUTTI!

Così Roberto Benigni. Sì proprio lui. Dallaltra parte Mario Agnelli che quasi stava per non rispondere, ero in bici in una bella domenica mattina e poi mi ha chiamato un numero sconosciuto: chi se lo aspettava?. E invece, ne è venuta fuori unaltra chiacchierata con il Premio Oscar che, con voce cordiale e affettuosa, ha ringraziato il primo cittadino per il regalo fatto. Ma quale? Ora ci arriviamo 👇

🖋 di Luca Amodio

https://www.sr71.it/2022/11/27/grazie-sindaco-mi-ha-fatto-il-regalo-piu-bello-benigni-chiama-il-sindaco-agnrlli/

"SINDACO, GRAZIE È STATO IL REGALO PIÙ BELLO DI TUTTI!"

Così Roberto Benigni. Sì proprio lui. Dall'altra parte Mario Agnelli che quasi stava per non rispondere, "ero in bici in una bella domenica mattina e poi mi ha chiamato un numero sconosciuto: chi se lo aspettava?". E invece, ne è venuta fuori un'altra chiacchierata con il Premio Oscar che, con voce cordiale e affettuosa, ha ringraziato il primo cittadino per il regalo fatto. Ma quale? Ora ci arriviamo 👇

🖋 di Luca Amodio

www.sr71.it/2022/11/27/grazie-sindaco-mi-ha-fatto-il-regalo-piu-bello-benigni-chiama-il-sindaco-a...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Mica pizza e fichi!!!!

Solo a te Mario riescono tutte.

chi viene viene e chi non viene non c'e ...

INIZIA IL NATALE A CORTONA

INIZIA IL NATALE A CORTONA

🎄🧑‍🎄Cortona, Babbo Natale sulla Zipline accende «Natale di Stelle». Oggi l’inaugurazione 👇

www.sr71.it/2022/11/27/inaugurato-natale-di-stelle-zipline-videomapping-e-spettacoli-accendono-le...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Che meraviglia!! Bella Cortona addobbata x le feste Natalizie!

Stupenda la mia cortona

SCONFIGGERE LA VIOLENZA DI GENERE DI CORSA

SCONFIGGERE LA VIOLENZA DI GENERE DI CORSA

🏃🏻‍♀️🏃🏻‍♀️Seconda edizione della “City Trail”: oltre 200 atleti in gara nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 👇

www.sr71.it/2022/11/26/sconfiggere-la-violenza-di-genere-di-corsa/
... See MoreSee Less

IL FINE SETTIMANA DELL’OLIO

IL FINE SETTIMANA DELL’OLIO

🫒 è cominciato il fine settimana dell'olio a Castiglion Fiorentino, l'iniziativa che coinvolge ristoranti ed aziende 👇
... See MoreSee Less

“DEVO FARE QUELLO CHE MI CHIEDE IL MIO DIO”: PAKISTANO SI SCAGLIA CONTRO GLI AGENTI. FERMATO COL TASER

è successo ad Arezzo: 
 
​https://www.sr71.it/2022/11/26/devo-fare-quello-che-mi-chiede-il-mio-dio-pakistano-si-scaglia-contro-gli-agenti-fermato-col-taser/

“DEVO FARE QUELLO CHE MI CHIEDE IL MIO DIO”: PAKISTANO SI SCAGLIA CONTRO GLI AGENTI. FERMATO COL TASER

è successo ad Arezzo:

​https://www.sr71.it/2022/11/26/devo-fare-quello-che-mi-chiede-il-mio-dio-pakistano-si-scaglia-contro-gli-agenti-fermato-col-taser/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Mi preoccupa la bolletta.... o vedrai che botta 😉 A parte gli scherzi....forse abbiamo trovato il vero compromesso tra un 'ingaggio" a mani nudo e/o con la pistola.

Se tutte le volte facevo quello che diceva il mio Dio, avevo riempito un cimitero.

Ci sono oltre 3000 divinità riconosciute sulla Terra ......e Pastafran è il più grande di tutti ! Buon Sugus

si va bene vai!!!!

Mo vo voglio vede che gli fanno

ora si vedi

Non voglio sbilanciare più di tanto. poi FB mi blocca il profilo quando dico o scrivo come la penso io, in maniera diversa andate a fa in culo a casa vostra stronzi. E non sono razzista

Quello che ti dice il tuo dio fallo a casa tua.... Coglioneeee

Ataccatelo al tiro

Fra Deglie Beefy

e quale sarebbe il suo dio??... che ritorni nel suo amato paese dove se dici questa falsità ti tagliano la testa..

Lo rimandassero a casa sua dal suo dio!

View more comments

Load more