fbpx

Cortona, domani inizia il Kilowatt Festival

Prosegue a Cortona la programmazione di Kilowatt Festival, dal 19 al 23 luglio. Fra gli ospiti Claudia
Castellucci, gruppo nanou, Teatrino Giullare, Marangoni /Fettarappa, Gioia Salvatori, Amendola/Malorni,

Berardi/Casolari, Sosta Palmizi

È terminata sabato 15 luglio la prima parte della programmazione di Kilowatt, festival multidisciplinare di teatro, danza,
circo, musica promosso dall’associazione CapoTrave/Kilowatt diretta da Lucia Franchi e Luca Ricci, realizzato in
collaborazione con il Comune di Sansepolcro (Ar) e il Comune di Cortona (Ar), con il sostegno dell’Unione
Europea, del Ministero della Cultura, della Regione Toscana, il contributo della Fondazione Ente Cassa Di
Risparmio di Firenze e dell’Otto per Mille alla Chiesa Valdese e di numerosi sponsor locali.
La seconda parte si aprirà a Cortona, mercoledì 19 luglio per proseguire fino a domenica 23, Fra le peculiarità del
programma a Cortona la danza urbana, il circo contemporaneo e i due progetti di teatro/danza digitale.
PROGETTO SPECIALE che accompagnerà il festival coinvolgendo lo spettatore, da mercoledì 19 a domenica 23,
Opium clippers di Glej Theatre / Neja Tomšič, artista visiva slovena, narratrice, performer e creatrice di rituali che
lavora con il disegno, gli oggetti e il suono. Una cerimonia del tè per 10 spettatori, dove narrare le storie coloniali e i
conflitti internazionali, tra la seconda metà del XVIII e il XIX secolo.
Per la programmazione di TEATRO, mercoledì 19, Lorenzo Marangoni e Niccolò Fettarappa in Solo quando lavoro
sono felice, ironica conversazione su soldi, capitalismo, tempi di vita e di lavoro che ha ottenuto la Menzione speciale
al bando Forever Young 2021/2022. A seguire la compagnia Malorni Amendola, presenta in prima nazionale La
faglia, di Adèle Gascuel, spettacolo attualissimo che mette in scena riflessioni per affrontare la crisi ambientale. Giovedì
20 andrà in scena la prima nazionale di Di ridere di piangere di paura, scritto, diretto e interpretato da Gioia Salvatori,
ironico viaggio dentro di sé, per superarsi e accorgersi del mondo. Gioia Salvatori, attrice e autrice romana, da anni
porta avanti il progetto Cuoro, contenitore satirico sul web e spettacolo teatrale. Venerdì 21 Cubo Teatro presenta Sid –
fin qui tutto bene, vincitore di In-Box, una riflessione quanto mai urgente sulle conseguenze della società dello
spettacolo sulle giovani generazioni. A seguire, madalena reversa in Manfred, live-set performance dal sapore post-
romantico dove l’opera di Byron, scritta nel 1816, da vita a una riflessione ecologica, spirituale, esistenziale. Sabato 22
prima nazionale di Pier Pier Pier, di Filippo Capparella e Omar Giorgio Makhloufi, vincitore del premio nazionale

Cantiere Risonanze 2022. Due ragazzi impauriti tentano di scovare le ragioni di un sentimento di alienazione che
affligge un’intera generazione. Nella stessa sera anteprima della Compagnia Berardi Casolari LidOdissea,
drammaturgia originale che prosegue e approfondisce la riflessione sulla società contemporanea, a partire dallo studio
dell’Odissea. Tra gli spettacoli più importanti della compagnia Amleto take away (2018) che vale a Gianfranco Berardi il
Premio Ubu come miglior attore. Domenica 23 anteprima del nuovo lavoro di Psicopompo Teatro, compagnia che
esplora le drammaturgie contemporanee, a partire dal drammaturgo argentino Rafael Spregelburd, in Lei non sa cosa
vuole, ironico affresco del rapporto di Freud con le sue donne.
Per La DANZA, giovedì 20, Igor X Moreno X Collettivo Mine in Beat forwar. Gesti, espressioni, posture quotidiane in
una coreografia ipnotica, cavalcando una colonna sonora di musica techno. Beat Forward segna la collaborazione tra
Igor x Moreno, firma dei coreografi Igor Urzelai e Moreno Solinas e Mine, collettivo di danza che nasce dall’incontro
artistico fra Francesco Saverio Cavaliere, Siro Guglielmi, Fabio Novembrini, Roberta Racis e Silvia Sisto. Sabato 22
Michele Ifigenia Colturi / Tyche presenta Cuma, un solo coreografico interpretato da Federica D’Aversa attorno alla
figura della Sibilla, figura profetica con un ultimo messaggio divinatorio.
Domenica 23 La nuova abitudine, di Claudia Castellucci, ci porterà nel cuore di una secolare tradizione dell’Europa
Orientale, una danza basata sullo Znamenny, un antico canto liturgico ortodosso che si fonde con la tradizione rurale
della musica russa. Insieme ai danzatori, sul palco, la vocalità del Coro di musicaAeterna di San Pietroburgo. Claudia
Castellucci, drammaturga, coreografa e didatta, ha ricevuto il Leone d’Argento (Sezione Danza) alla Biennale di
Venezia nel 2020. A chiudere la programmazione del festival, domenica 23, la prima nazionale di Vertigine della lista, di
Sosta Palmizi e Qui e Ora, performance nata dall’incontro con l’omonimo saggio di Umberto Eco. Uno dei più
importanti danzatori e coreografi italiani, Giorgio Rossi, incontra l’ironia della compagnia Qui e Ora, spesso acida e
tagliente, e trova nuova espressione nel far reagire tra loro i corpi delle/del performer.
Tra le novità del programma di Cortona gli spettacoli di breve durata di DANZA URBANA in Piazza della Repubblica.
Giovedì 20 Parini Secondo X Bienoise in Speed, con coreografie e musiche ispirate al fenomeno della Para Para e
dell’Eurobeat, diffusosi negli anni ‘90 nei club di Tokyo, spettacolo selezionato alla Vetrina della Giovane danza d’autore
2022. Venerdì 21, EM+ | Emanuele Rosa & Maria Focaraccio in All you need is, performance dove tre danzatori
esplorano i balli di coppia tradizionali quali il tango, il valzer, la salsa, mettendo in discussione la logica binaria
dominante. Sabato 22 Rosaria Di Maro e Noemi Caricchia in Come neve, coreografia di Adriano Bolognino, vincitrice
del bando Danza Urbana XL 2023, indossano un prezioso ricamo fatto a mano e danno vita a una creazione unica.
Adriano Bolognino, danzatore e coreografo napoletano, vince il premio Danza&Danza Coreografo Emergente 2022.
Le OSPITALITÀ INTERNAZIONALI, si aprono mercoledì 19 con il coreografo svizzero americano Joshua Monten con
la prima nazionale di Come fare cose con le parole, un accattivante passo a due tra danza e linguaggio scritto, tra corpi
e lettere. Venerdì 21 prima nazionale di Together Alone, della coreografa e danzatrice ucraina Yana Reutova,
danzatori ucraini, cechi e burkinabé danno vita a un progetto coreografico per indagare i confini della nostra individualità.
Sabato 22, Evangelos Biskas, coreografo e performer di origine greca, presenta in prima nazionale In between, un
solo coreografico che rivisita il suo diario onirico con posizioni bizzarre e spirali ondulatorie tra realtà e immaginazione.
Fra le peculiarità della programmazione a Cortona due lavori DI TEATRO/DANZA DIGITALE, nati in seno al progetto
delle Residenze Digitali. Mercoledì 19 Teatrino Giullare in Drone tragico si concentra sull’esplorazione di miti antichi
con nuove tecnologie, un progetto innovativo tra teatro e digitale in cui lo spettatore è guidato all'interno di una visione a
360 gradi che attraversa la traduzione che Pier Paolo Pasolini fece dell‘Orestea di Eschilo. Teatrino Giullare, fondato nel
1996 da Giulia Dall’Ongaro ed Enrico Deotti, crea spettacoli e progetti speciali per il teatro e l’arte, esplorando la
drammaturgia tramite la continua sperimentazione di artifici scenici. Giovedì 20 un’immersione coreografica a 360° con
gruppo nanou in Them – immagine movimento, coreografia di Marco Valerio Amico e Rhuena Bracci con Marina
Bertoni e Michele Scappa. Un viaggio all’interno del dispositivo coreografico attraverso l’uso di action cam. gruppo
nanou, nato nel 2004, nel 2022 è finalista al Premio Ubu con lo spettacolo Paradiso nelle categorie miglior spettacolo di
danza e migliore scenografia.
In Piazza del Duomo, ogni sera, una selezione dei migliori artisti internazionali del CIRCO CONTEMPORANEO. Si inizia
mercoledì 19 con Una selezione dei migliori artisti internazionali del circo contemporaneo arricchirà la programmazione.
Alle ore 22,00, Cie Zec in Seguime. Una ragazza che viene dalla montagna fa un incontro inaspettato che le cambia
l'esistenza. Tra combattimenti, sgambetti e lezioni di vita i personaggi cercano un loro equilibrio. Giovedì 20, Daniel
Warr in Dado classic. Con il nome d'arte “Dado”, Warr si è esibito in tutto il mondo e ha perfezionato il tono di ogni
espressione con un repertorio di clownerie, magia e mimo con tecnica sopraffina. Venerdì 21 Patfield & Triguero in
Gibbon, la messa in scena del processo di creazione dello spettacolo stesso, tra patterns ipnotici di giocoleria e
virtuosismi di altissima tecnica. Sabato 22 Kolektivo Konica, compagnia di circo-teatro formata da sei artiste europee in
La punta del mio naso, un racconto tutto al femminile in cui le sei acrobate ripercorrono le storie delle nonne per
affermare le proprie individualità di donne circensi nel mondo contemporaneo. Domenica 23, Circo Pacco in

Paccottiglia Deluxe, parodia del mondo del circo attraverso le vicende di due autentici cialtroni che cercano di
guadagnarsi il centro della scena.
INCONTRI e CONVEGNI arricchiranno il festival. Si terrà da mercoledì 19 luglio a venerdì 21, “Chi ha paura del teatro
digitale” l’opportunità dell’online per le performing arts, centrato sulle tecnologie e piattaforme digitali per la creazione
artistica, e domenica 23 “Coming up Next. Pratiche di formazione e partecipazione per un nuovo pubblico” incontro
pubblico della rete Risonanze
LA PROGRAMMAZIONE MUSICALE di Cortona si terrà alle ore 19 nel Chiostro di Sant’Agostino. In programmazione,
concerti di Phill Reynolds, Eugenia Post Meridiem, Wisecrack, Hate Moss, Lotta.