fbpx

Nuove Acque spiega come risparmiare la risorsa idrica: ecco gli accorgimenti

Fare la doccia anziché utilizzare la vasca, usare la lavastoviglie e non lavare i piatti a mano, chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti: sono solo alcune delle buone pratiche che Nuove Acque, il gestore del servizio idrico ad Arezzo e provincia e parte della provincia di Siena, ricorda ai propri utenti per limitare lo spreco dell’acqua soprattutto nella stagione estiva. Si tratta di comportamenti e buone abitudini che non rivoluzioneranno la vita degli utenti, ma che apporteranno piacevoli miglioramenti e che consentiranno un utilizzo più sostenibile di questo bene.

E’ consigliabile evitare di utilizzare la vasca da bagno, che consuma in media 150 litri d’acqua, contro gli 80 circa della doccia. Al fine di ridurre lo spreco della risorsa idrica, è importante l’utilizzo di elettrodomestici con programmi “eco”. Una lavatrice di classe “A” riduce significativamente il consumo di acqua (del 50%) e il consumo di elettricità (del 44%). Anche l’utilizzo della lavastoviglie permette di risparmiare l’acqua: per lavare i piatti a mano si utilizzano circa 42 litri d’acqua, mentre con la lavastoviglie se ne consumano circa 10 litri per un lavaggio (e oltre l’acqua, si risparmia anche molta fatica). Anche raccogliere l’acqua piovana può aiutare a limitare gli sprechi, riutilizzandola poi per tutte le attività che non richiedono acqua potabile, come ad esempio l’irrigazione di orti e giardini e il lavaggio di automezzi. Infatti, per lavare l’auto con l’acqua del rubinetto, si consumano circa 200 litri d’acqua. Per evitare questo grande spreco idrico, è possibile lavare la propria auto a casa, senza acqua, con i diversi prodotti biodegradabili in commercio. Un sistema WC a doppio scarico e i rubinetti dotati di dispositivi come limitatori di flusso o di pressione, sono altri strumenti che consentono di limitare notevolmente lo spreco. Infine, tenere sempre monitorate e curate le apparecchiature elettroniche di casa (lavastoviglie, macchina del ghiaccio, addolcitore ecc) aiuta a limitare i consumi.

All’interno del portale informativo lamiacqua.it, che nasce come arricchimento del sito istituzionale di Nuove Acque, è possibile leggere tutti questi semplici e pratici consigli relativi alla vita di tutti i giorni. Sempre nello stesso portale, di recente, i tecnici Nuove Acque e il Responsabile della Protezione Civile della Regione Toscana Bernardo Mazzanti, sono intervenuti con una diretta social per fare il punto sull’allerta idrica e illustrare le azioni del gestore per arginare situazioni di emergenza.
Relativamente al periodo siccitoso che sta proseguendo da alcune settimane in tutta Italia, al momento Nuove Acque non registra criticità grazie alla presenza di piani da attivare in caso di crisi idrica e per le politiche di risparmio adottate da tempo, come l’aver tenuto le dighe piene e aver adottato altre fonti di approvvigionamento in inverno. La situazione viene monitorata costantemente con una cabina di regia che riguarda la Toscana insieme alle regioni confinanti. Per gestire una crisi idrica, è fondamentale avere invasi come il Montedoglio e la cosiddetta ”autostrada dell’acqua”, l’anello che permetterà a tutta la Valdichiana di avere l’acqua di Montedoglio. L’opera è stata finanziata in parte dal Pnrr e i lavori si concluderanno nel 2023.

Se al momento la situazione non è critica, è anche grazie a queste infrastrutture e agli investimenti importanti finalizzati alla riduzione delle perdite: nelle zone gestite da Nuove Acque, attualmente il tasso di perdita è del 23,1%, con l’acquedotto di Arezzo che da anni si attesta sotto il 20%. Negli ultimi mesi, Nuove Acque ha avviato nuovi lavori di ottimizzazione e distrettualizzazione delle reti che riguardano dieci comuni dell’aretino e della provincia di Siena, per un investimento di oltre 390mila euro. Tali lavori, che proseguono ormai da anni nel territorio di competenza dell’azienda, permettono di immettere in rete circa 3 milioni di metri cubi di acqua all’anno in meno rispetto a 10 anni fa. Inoltre, i cospicui investimenti messi in campo da Nuove Acque per la riduzione delle perdite, hanno portato dall’inizio della gestione (1999) a oggi un taglio del 50% dei volumi immessi in rete, con conseguente risparmio per l’utenza e una maggiore salvaguardia ambientale grazie a un minor spreco idrico.

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
BRANCO DI LUPI FA STRAGE

Coldiretti Arezzo chiede risposte immediate

🐺 cosa è successo 👇🏻

Il lupo colpisce ancora sbranando e uccidendo negli ultimi giorni altre 11 pecore e 2 disperse, dell’Azienda Agricola Edigio Marcia in località Ascione a Terranuova Bracciolini.
Siamo oramai alla conta dei morti quotidiana, la situazione è più che drammatica, l’allevatore infatti è stato colpito da un agguato di buon mattino.
“Gli attacchi sono avvenuti anche in pieno giorno, l’ultimo questa mattina mentre le pecore erano al pascolo – spiega Marcia in preda alla disperazione di chi vede letteralmente morire un pezzo del proprio lavoro – il mio gregge negli ultimi anni è stato più che decimato, si aggirano intorno al centinaio gli animali che ho perso a causa delle aggressioni, questa volta era un branco di lupi perché l’attacco è stato veramente importante”.  
La paura di Marcia è quella di chi lavorando con enormi sacrifici ogni giorno, vede sotto ai propri occhi, venire meno il proprio operato e di chi vive in una situazione di paura non soltanto per l’azienda che dirige ma anche per la sicurezza personale e dei propri familiari.
“Abbiamo avuto attacchi – continua l’allevatore – a pochi metri dalla nostra abitazione dove abbiamo l’azienda, ogni giorno speriamo che sia un giorno nuovo, purtroppo però siamo vittime anche noi, come i nostri animali del predatore, le pecore rimaste tra l’altro vivono in una situazione di shock che comprometterà anche la produzione di latte e quindi il rallentarsi della nostra filiera e la mancanza di alcuni dei nostri prodotti nei mercati di Campagna Amica che facciamo settimanalmente da anni”.
A pochi passi dalla casa di Edigio restano le carcasse degli animali dilaniati, le immagini parlano chiaro, non è più una situazione che può essere sottovalutata per il bene dell’azienda e per la sicurezza di chi la abita e di chi la frequenta, il lupo potrebbe arrivare in ogni momento, come ha già dimostrato di fare, di giorno di notte, ad un passo dalle abitazioni e lasciare dietro di se non soltanto la paura.
“L’allarme è rosso per i nostri imprenditori – spiega Coldiretti – le aziende sono in forte difficoltà e stanno facendo sforzi enormi per restare in piedi. Il caso di Marcia è uno, ma nella provincia sono presenti altri allevatori nelle stesse condizioni. Serve un vero e serio impegno delle Istituzioni per arrivare alla definizione di un Piano nazionale che guardi a quello che hanno fatto altri Paesi UE come Francia e Svizzera per la difesa dal lupo degli agricoltori e degli animali allevati. Il rischio vero oggi è – prosegue l’associazione aretina - la scomparsa della presenza dell’uomo dalle montagne e dalle aree interne per l’abbandono di tantissime famiglie ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane di mucche, capre e pecore. Quello che chiediamo è la massima responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le montagne e a garantire la bellezza ricordando che quando chiude un allevamento non chiude solo una impresa ma un presidio del territorio che tutela il paesaggio e la tradizione pastorizia”.

BRANCO DI LUPI FA STRAGE

Coldiretti Arezzo chiede risposte immediate

🐺 cosa è successo 👇🏻

Il lupo colpisce ancora sbranando e uccidendo negli ultimi giorni altre 11 pecore e 2 disperse, dell’Azienda Agricola Edigio Marcia in località Ascione a Terranuova Bracciolini.
Siamo oramai alla conta dei morti quotidiana, la situazione è più che drammatica, l’allevatore infatti è stato colpito da un agguato di buon mattino.
“Gli attacchi sono avvenuti anche in pieno giorno, l’ultimo questa mattina mentre le pecore erano al pascolo – spiega Marcia in preda alla disperazione di chi vede letteralmente morire un pezzo del proprio lavoro – il mio gregge negli ultimi anni è stato più che decimato, si aggirano intorno al centinaio gli animali che ho perso a causa delle aggressioni, questa volta era un branco di lupi perché l’attacco è stato veramente importante”.
La paura di Marcia è quella di chi lavorando con enormi sacrifici ogni giorno, vede sotto ai propri occhi, venire meno il proprio operato e di chi vive in una situazione di paura non soltanto per l’azienda che dirige ma anche per la sicurezza personale e dei propri familiari.
“Abbiamo avuto attacchi – continua l’allevatore – a pochi metri dalla nostra abitazione dove abbiamo l’azienda, ogni giorno speriamo che sia un giorno nuovo, purtroppo però siamo vittime anche noi, come i nostri animali del predatore, le pecore rimaste tra l’altro vivono in una situazione di shock che comprometterà anche la produzione di latte e quindi il rallentarsi della nostra filiera e la mancanza di alcuni dei nostri prodotti nei mercati di Campagna Amica che facciamo settimanalmente da anni”.
A pochi passi dalla casa di Edigio restano le carcasse degli animali dilaniati, le immagini parlano chiaro, non è più una situazione che può essere sottovalutata per il bene dell’azienda e per la sicurezza di chi la abita e di chi la frequenta, il lupo potrebbe arrivare in ogni momento, come ha già dimostrato di fare, di giorno di notte, ad un passo dalle abitazioni e lasciare dietro di se non soltanto la paura.
“L’allarme è rosso per i nostri imprenditori – spiega Coldiretti – le aziende sono in forte difficoltà e stanno facendo sforzi enormi per restare in piedi. Il caso di Marcia è uno, ma nella provincia sono presenti altri allevatori nelle stesse condizioni. Serve un vero e serio impegno delle Istituzioni per arrivare alla definizione di un Piano nazionale che guardi a quello che hanno fatto altri Paesi UE come Francia e Svizzera per la difesa dal lupo degli agricoltori e degli animali allevati. Il rischio vero oggi è – prosegue l’associazione aretina - la scomparsa della presenza dell’uomo dalle montagne e dalle aree interne per l’abbandono di tantissime famiglie ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane di mucche, capre e pecore. Quello che chiediamo è la massima responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le montagne e a garantire la bellezza ricordando che quando chiude un allevamento non chiude solo una impresa ma un presidio del territorio che tutela il paesaggio e la tradizione pastorizia”.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Non commento l’articolo perché almeno si limita a riportare i fatti, come deve essere. Per i commenti invece che verranno scritti o pensati mi sale già il nervoso. Il problema non è sterminare ma saper gestire in modo corretto e il primo passo è la giusta consapevolezza e conoscenza umana. L’animale fa l’animale come è la sua natura.

Ora basta!! Oltre lo scempio oltre ogni limite sono ormai un pericolo oltre per gli animali anche per l'uomo cosa apettiamo che veramente succeda un fattaccio? Solidarietà agli allevatori non basta occorrono leggi che disciplinano la consistenza e soldi a chi subisce tali danni

Ma la Brambilla cosa dice come si giustifica chi ha fatto reintrodurre tutti questi animali dannosi dovrebbe trovare il modo di custodire è troppo facile farlo a spese degli allevatori

ALTA VELOCITA, JACCUSE LA REGIONE

Questione Alta velocità, Luciano Meoni, sindaco del Comune di Cortona, sollecita la Regione Toscana

Stazione Alta Velocità, chi è che tira il freno?
Occasione da non perdere!

https://www.sr71.it/2022/08/12/alta-velocita-meoniregione-toscana-tira-freno/

ALTA VELOCITA', J'ACCUSE LA REGIONE

Questione Alta velocità, Luciano Meoni, sindaco del Comune di Cortona, sollecita la Regione Toscana

"Stazione Alta Velocità, chi è che tira il freno?
Occasione da non perdere!

www.sr71.it/2022/08/12/alta-velocita-meoniregione-toscana-tira-freno/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

A me risulta (ma io sono un anonimo cittadino forse male informato )che i fondi del PNRR per opere infrastrutturali sono già da tempo esauriti. Tale stazione, qualora fosse realizzabile, lo sarebbe solo su strategie, decisioni e risorse di RFI

Sono solo soldi butti, non siamo a Reggio Emilia, già lì per molto tempo era una cattedrale nel deserto...

Mettessero a posto la stazione di Terontola, mancano supporti per anziani, un ascensore per disabili . Marciapiedi inadeguati per scendere e salire. Sembra di essere nell'Ottocento!!

Intanto la Tari continua ad aumentare......a me 94 euro in più x il 2022, non so altri , fortuna che con la differenziata e il porta a porta avremmo risparmiato😱

Opera essenziale per valorizzare il territorio, piu che Reggio Emilia.Ieri per recarmi a fiumicino aeroporto ho dovuto prendere TRE treni....vergogna!!!

Una cattedrale nel deserto.....

La regione Umbria è pronta? Ma de che???!!!

....ovviamente è il PD regionale che tira il freno, perché i comuni più grandi sono di destra....AREZZO, CASTIGLION FIORENTINO, CORTONA, MONTE SAN SAVINO, quindi fintamente il signor Cecca rally si fa fautore e portatore della raccolta firme solo per un tornaconto personale, NON GLI È INTERESSATO QUANDO ERA ASSESSORE ai trasporti regionali, figuriamoci adesso.

Ora la frecciarossa non arriva più a Milano centrale, perfetto 👌

Esiste già la stazione di chiusi con entrata e uscita dalla direttissima...

View more comments

🔴CICLISTA INVESTITO DA UNA MACCHINA, 81ENNE TRASPORTATO IN CODICE ARANCIONE CON IL PEGASO

Un uomo di 81 anni in bicicletta è stato urtato da unauto su una strada di campagna. È successo verso le 10 di stamattina, in località Antria.

Sul posto l’automedica di Arezzo, BLSD Misericordia di Arezzo e Pegaso 1 che ha trasportato l’uomo al pronto soccorso di Careggi. Sul posto anche la polizia municipale.

🔴CICLISTA INVESTITO DA UNA MACCHINA, 81ENNE TRASPORTATO IN CODICE ARANCIONE CON IL PEGASO

Un uomo di 81 anni in bicicletta è stato urtato da un'auto su una strada di campagna. È successo verso le 10 di stamattina, in località Antria.

Sul posto l’automedica di Arezzo, BLSD Misericordia di Arezzo e Pegaso 1 che ha trasportato l’uomo al pronto soccorso di Careggi. Sul posto anche la polizia municipale.
... See MoreSee Less

🔴 BRUCIATI TRE ETTARI

Un altro incendio a Castiglion Fiorentino, a Santa Margherita: in totale sono tre gli ettari interessati.

Sono intervenute tre squadre VAB Castiglion Fiorentino e i vigili del fuoco, oltre all’elicottero drago 53.

Il ringraziamento di Mario Agnelli Sindaco del Comune di Castiglion Fiorentino:

“Anche questa volta è stato scongiurato il peggio e non c’è stato interessamento del bosco grazie al prezioso e tempestivo intervento di Vigili del Fuoco e Volontari Antincendio. 
Mi sembra superfluo ricordare che siamo in piena emergenza a causa della stagione torrida che stiamo attraversando. Cautela, responsabilità e senza civico restano i migliori deterrenti oltre alle conseguenze amministrative e penali per i trasgressori.”

🔴 BRUCIATI TRE ETTARI

Un altro incendio a Castiglion Fiorentino, a Santa Margherita: in totale sono tre gli ettari interessati.

Sono intervenute tre squadre VAB Castiglion Fiorentino e i vigili del fuoco, oltre all’elicottero drago 53.

Il ringraziamento di Mario Agnelli Sindaco del Comune di Castiglion Fiorentino:

“Anche questa volta è stato scongiurato il peggio e non c’è stato interessamento del bosco grazie al prezioso e tempestivo intervento di Vigili del Fuoco e Volontari Antincendio.
Mi sembra superfluo ricordare che siamo in piena emergenza a causa della stagione torrida che stiamo attraversando. Cautela, responsabilità e senza civico restano i migliori deterrenti oltre alle conseguenze amministrative e penali per i trasgressori.”
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Un ringraziamento ai vigili del fuoco e alla VAB Castiglion Fiorentino

No dai non è possibile

Ma non è che hanno dato fuoco come al solito

Niente brucia da se! È chimica!

Grandissimi stronzi

C’è qualcosa sotto🤔🤔🤔🤔🤔🤔che schifo

Ma non gli prende fuoco alle mani????

View more comments

BOOM DI ASSUNZIONI AD AGOSTO, LE IMPRESE DIFFICILE TROVARE I PROFILI GIUSTI

👷‍♀️Saranno 1350 le assunzioni previste nel mese di agosto nella provincia, l’8% in più rispetto lo scorso anno

👨‍🔧Ma i nuovi assunti sono soprattutto stagionali, con contratto a termine, concentrati nel settore dei servizi, specie nella ristorazione

🧑‍🎓Conta l’esperienza nel settore, poco e niente il titolo di studio

📈Ancora una volta pesa il mismatch tra domanda e offerta di lavoro, le imprese sarà difficile trovare i profili giusti

https://www.sr71.it/2022/08/12/assunzioni-provincia-arezzo-tempo-determinato/

BOOM DI ASSUNZIONI AD AGOSTO, LE IMPRESE "DIFFICILE TROVARE I PROFILI GIUSTI"

👷‍♀️Saranno 1350 le assunzioni previste nel mese di agosto nella provincia, l’8% in più rispetto lo scorso anno

👨‍🔧Ma i nuovi assunti sono soprattutto stagionali, con contratto a termine, concentrati nel settore dei servizi, specie nella ristorazione

🧑‍🎓Conta l’esperienza nel settore, poco e niente il titolo di studio

📈Ancora una volta pesa il mismatch tra domanda e offerta di lavoro, le imprese "sarà difficile trovare i profili giusti"

www.sr71.it/2022/08/12/assunzioni-provincia-arezzo-tempo-determinato/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Fate formazione nessuno nasce inparato

🔴 AUTO FINISCE IN ACQUA 

I Vigili del fuoco del comando di Arezzo, distaccamento di , sono intervenuti  nel comune di Castiglion Fibocchi in Via Sette Ponti presso il Lago Dolce Verde, per il recupero di un auto(senza persone all’interno) finita accidentalmente nel bacino artificiale. 

Sul posto per la ricerca personale fluviale, soccorritori acquatici e Nucleo Sommozzatori inviato dal Comando di Firenze. In corso il recupero dellauto.

🔴 AUTO FINISCE IN ACQUA

I Vigili del fuoco del comando di Arezzo, distaccamento di , sono intervenuti nel comune di Castiglion Fibocchi in Via Sette Ponti presso il Lago Dolce Verde, per il recupero di un auto(senza persone all’interno) finita accidentalmente nel bacino artificiale.

Sul posto per la ricerca personale fluviale, soccorritori acquatici e Nucleo Sommozzatori inviato dal Comando di Firenze. In corso il recupero dell'auto.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

A battuta si potrebbe dire che l'auto voleva frescheggiare 😅 ma visto che non ci finiscono da sole in autonomia , sarei curiosa di sapere come ci è finita 😅 magari è una storia interessante

Maaaa

Si vede gne faceva caldo..

Giovanni Pierazzoli ma pareva bono come guado

Il caldo ....lo fa' !!!!

View more comments

Load more