fbpx

Giostra del Saracino, Santo Spirito vince facile. Scortecci piazza il 5, a Cicerchia basta un 3

La 141^ edizione della Giostra del Saracino si tinge di giallo blu. A Santo Spirito bastano otto punti per vincere e raggiungere Porta Crucifera in cima all’albo d’oro con 38 vittorie.
E’ l’esordiente Francesco Rossi ad aprire la piazza per Porta del Foro, un tiro che si ferma sul tre e che mette subito in salita la Giostra del Saracino per la Chimera. Per Porta Crucifera è Adalberto Rauco a scendere al pozzo per primo, il giostratore rossoverde cerca il centro ma colpisce il quattro. E’ la volta di Porta Santo Spirito che manda per primo Gianmaria Scortecci: il giostratore della Colombina punta dritto al centro del tabellone e lo colpisce: è cinque. Chiude la prima serie di carriere Porta Sant’Andrea, esordio sfortunato per Saverio Montini che colpisce il due andando contro il Buratto con carriera lenta: decurtazione dei due punti segnati sul tabellone, il punteggio del biancoverde è zero.
Riparte per la seconda serie di carriere il giallocremisi Davide Parsi che colpisce il quattro, Porta del Foro è a quota 7. Lorenzo Vanneschi cerca il centro ma il suo tiro si ferma sul due, Porta Crucifera è fuori. A Santo Spirito basta il 3 per ipotecare la Giostra, niente di più facile per Elia Cicerchia che non sbaglia. Solo la rottura della lancia potrebbe tenere in Giostra Porta Sant’Andrea, ma Tommaso Marmorini centra un cinque che vale gli applausi del suo quartiere ma non serve.
Porta Santo Spirito con otto punti vince la Lancia d’Oro dedicata all’Istituto Thevenin.