fbpx

Covid19, quali i numeri che contano? Dopo due anni di pandemia finalmente un po’ di luce all’orizzonte

Il Re (dei numeri) è nudo, dopo due anni di conta quotidiana dei nuovi positivi abbiamo finalmente certificato che si è trattato di un’operazione parziale e solo indicativa dell’evoluzione pandemica. Da quando il tampone è diventato un bene primario ecco che saltano fuori un sacco di positivi (spesso asintomatici) ed ecco che la Regione ha dovuto emanare l’ordinanza che ha promosso il test antigienico quale riscontro ufficiale.

Da fine dicembre basta andare in farmacia, anziché attendere un tampone molecolare, e sottoporsi al test rapido. Da quando è stata introdotta questa novità il numero dei «nuovi positivi» è quadruplicato da un giorno all’altro (da 300 a quasi 1500) e non a causa della maggiore contagiosità del virus, ma perché stavamo contando in maniera approssimativa l’evoluzione pandemica. In quei giorni la Asl non è riuscita a pubblicare i propri report quotidiani ed ha lasciato le cronache locali ai dati della Regione (che poi sono quelli «ufficiali, cioè quelli che vengono inviati alla Protezione civile nazionale).

La sorpresa è arrivata il primo giorno dell’anno quando la Asl ha rivoluzionato il proprio report ed ha messo in secondo piano il numero di nuovi contagiati, promuovendo in testa fra le informazioni più importanti il numero di posti letto occupati dai malati Covid19.

Siamo (finalmente) alla rivoluzione copernicana dell’analisi dei dati della pandemia, non più la classifica dei contagi comune per comune, ma una breve scheda con pazienti ricoverati in area Covid e quelli in Terapia intensiva. Inoltre, la Asl ha cominciato ad indicare qual è la percentuale di non vaccinati presente. A inizio gennaio i tre ricoverati in TI erano tutti senza vaccino, mentre nell’area Covid la situazione riguarda per l’80% dei casi i non vaccinati.

Insomma, i contagiati non sono tutti uguali: 5 positivi non vaccinati costituiscono un problema superiore di 50 positivi vaccinati. Per due anni quella dei numeri è stata una battaglia quotidiana, a metà mattina escono i dati della Regione, nel pomeriggio ecco quelli della Asl, i primi aggiornati alla mezzanotte, gli altri alle 14. L’effetto è quello che in un giorno ci sono due informazioni diverse, la conseguenza per una bega come quella del Covid19, è di ingenerare confusione nelle persone che meriterebbero informazioni univoche, almeno sui numeri.

Noi di Sr71 da 22 mesi a questa parte abbiamo deciso di non pubblicare i dati regionali e di offrire solo quelli della Asl. Perché? Per la semplice ragione che il dato della Azienda sanitaria è quello più vicino a noi: riteniamo che sia meglio pubblicare alle 17 un’informazione aggiornata alle 14, rispetto a pubblicare alle 11 un dato che risale alla mezzanotte precedente.

Con la quarta ondata, con i vaccini e con la variante Omicron, è ancora più importante osservare la situazione degli ospedali, senza trascurare il numero dei positivi giornalieri. Mentre andiamo in stampa ce ne sono 30, un anno fa erano 60 e venivamo da un lockdown natalizio. La situazione è nettamente migliore, inoltre le notizie che arrivano dal Sud Africa, luogo dove è stata rilevata la nuova variante del Sars Cov2, ci dicono che la «curva Omicron» sale veloce e scende altrettanto veloce. 

Insomma, è legittimo pensare ad un cambio di registro nella diffusione delle informazioni nell’anno nuovo. Noi di Sr71 lo faremo seguendo il principio della rilevanza delle notizie e non perché siamo stanchi della pandemia, ma perché ora ci sono armi efficaci per prevenire la malattia e per curarla. Un anno fa non restava altro che chiudersi in casa, adesso grazie ai vaccini possiamo mettere legittimamente in secondo ordine la classifica quotidiana dei nuovi contagiati.

Massimo Pucci

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
UN SUCCESSO PER CORTONA ON THE MOVE

UN SUCCESSO PER CORTONA ON THE MOVE

📸Grande affluenza post Covid per Cortona On The Move, quando mancano pochi giorni alla conclusione del festival internazionale di fotografia sono oltre 21 mila gli ingressi registrati alla biglietteria, mille in più rispetto al dato conclusivo del 2021

🎤 le interviste a Veronica Nicolardi, direttrice del festival e Luciano Meoni, sindaco di Cortona

Comune di Cortona
... See MoreSee Less

MACCHINA A FUOCO

Macchina a fuoco nella zona industriale di San Zeno. Nessuna persona coinvolta secondo quanto si apprende. La dinamica è ancora da ricostruire. Sul posto i vigili del fuoco. È successo verso le 18:45. 

in aggiornamento

MACCHINA A FUOCO

Macchina a fuoco nella zona industriale di San Zeno. Nessuna persona coinvolta secondo quanto si apprende. La dinamica è ancora da ricostruire. Sul posto i vigili del fuoco. È successo verso le 18:45.

in aggiornamento
... See MoreSee Less

🔴AUTO SI RIBALTA, UNA PERSONA SBALZATA FUORI

Incidente lungo la A1. Auto si ribalta e una persona viene sbalzata fuori. In tre al pronto soccorso in codice rosso 

Alle  ore 16.23 nellautostrada A1 direzione nord al km 282, tra uscite Valdichiana e Monte San Savino si è verificato un incidente con unauto che si è ribaltata. Coinvolte tre persone di cui una sbalzato fuori dallauto. 
Sul posto ambulanza della Croce Verde di  Chianciano Terme, ambulanza della Pubblica Assistenza di Foiano della Chiana  e della Misericordia di Lucignano. 
Tutti e 3 i pazienti (un uomo di 63 anni e due donne, una di 84 e una di 63)  sono stati trasportati presso ospedale Le Scotte di Siena in codice rosso

Immagine di repertorio

🔴AUTO SI RIBALTA, UNA PERSONA SBALZATA FUORI

Incidente lungo la A1. Auto si ribalta e una persona viene sbalzata fuori. In tre al pronto soccorso in codice rosso

Alle ore 16.23 nell'autostrada A1 direzione nord al km 282, tra uscite Valdichiana e Monte San Savino si è verificato un incidente con un'auto che si è ribaltata. Coinvolte tre persone di cui una sbalzato fuori dall'auto.
Sul posto ambulanza della Croce Verde di Chianciano Terme, ambulanza della Pubblica Assistenza di Foiano della Chiana e della Misericordia di Lucignano.
Tutti e 3 i pazienti (un uomo di 63 anni e due donne, una di 84 e una di 63) sono stati trasportati presso ospedale Le Scotte di Siena in codice rosso

Immagine di repertorio
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Sono 2 in una settimana fra chiusi ed Arezzo

Dio aiuta

Velocità distanza di sicurezza e cellulare. La gente deve lavorare su se stessa.

Sempre quel tratto

La Polizia un c'è mai .....

View more comments

CASA A FUOCO, AL PRONTO SOCCORSO 81ENNE

Alle  ore 17 in una abitazione a Sansepolcro in via Agio Torto si è verificato un incendio, per cause in via di accertamento, che ha coinvolto una persona, una donna di 81 anni.
La paziente è stata trasportata in codice giallo allospedale della Valtiberina. 
Sul posto Auto infermierizzata di Sansepolcro, ambulanza della misericordia di  Sansepolcro, Vigili del Fuoco e carabinieri.

Immagine di repertorio

CASA A FUOCO, AL PRONTO SOCCORSO 81ENNE

Alle ore 17 in una abitazione a Sansepolcro in via Agio Torto si è verificato un incendio, per cause in via di accertamento, che ha coinvolto una persona, una donna di 81 anni.
La paziente è stata trasportata in codice giallo all'ospedale della Valtiberina.
Sul posto Auto infermierizzata di Sansepolcro, ambulanza della misericordia di Sansepolcro, Vigili del Fuoco e carabinieri.

Immagine di repertorio
... See MoreSee Less

TRAGEDIA SUL GRAN SASSO, PERDE LA VITA UN ARETINO 

Fine settimana terminato in tragedia sul Gran Sasso, due alpinisti perdono la vita. Uno di loro, Marco Paccosi, 42 anni, di Sansepolcro. 

https://www.sr71.it/2022/09/25/tragedia-sul-gran-sasso-perde-la-vita-un-aretino/

TRAGEDIA SUL GRAN SASSO, PERDE LA VITA UN ARETINO

Fine settimana terminato in tragedia sul Gran Sasso, due alpinisti perdono la vita. Uno di loro, Marco Paccosi, 42 anni, di Sansepolcro.

www.sr71.it/2022/09/25/tragedia-sul-gran-sasso-perde-la-vita-un-aretino/
... See MoreSee Less

IL GIORNO DOPO L’ACQUAZZONE

IL GIORNO DOPO L’ACQUAZZONE

💦La situazione al ponte di Cesa, a Marciano, dove si è alzato decisamente il livello dell'acqua a seguito delle forti precipitazioni.

Video realizzato da Graziano Ciofi con il suo drone
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Con quanto spendiamo per pulire i fiumi siamo a questo punto? Con 4 gocce d acqua ,rimanderei a scuola questi ingegneri

Il fiume ESSE a camucia è piena di canne ed erbacce se capita qualcosa voglio sentire cosa dicono .

Finalmente un po' di acqua era mesi che era a secco

Niente di che

Tutta quell'acqua proviene dall'esse , alle chianacce la chiana è come sempre , mentre l'esse è bello pieno !

Bene tenere monitorato , ma dalle immagini non mi sembra preoccupante

Forti le riprese col drone !Avanti!!!

Ci sono alberi ancora in piedi in mezzo al fiume

Grazie hai lavori fatti bene che durano anni e anni ancora.

Di solito quando piove i fiumi si ingrossano

Che belle le nostre campagne.

View more comments

Load more