fbpx

Un cortonese nella classifica Atp. Leonardo Catani è spuntato alla posizione 1500, il sogno di leggere il proprio nome nella classifica dei professionisti

Leonardo Catani, classe ‘99, cortonese doc, diploma classico al Luca Signorelli, cintura nera di taekwondo, a 15 anni sbarchi nella serie C di pallavolo. Ma la tua vera passione è il tennis, oggi il tuo nome compare nel ranking mondiale ATP con il tuo best score sei stato 1500 esimo in classifica. Leonardo, già da piccolo questa vita era il tuo sogno nel cassetto?

«Fin da piccolo piccolo, addirittura a tre anni, tenevo la racchetta in mano grazie a mio padre. A 10-11 anni avevo già iniziato ad allenarmi con costanza con un maestro ad hoc ma è dalla terza superiore circa che ho deciso di dedicare «anima e core» al tennis, uno sport che mi ha insegnato a contare solo su «me stesso» e che ha contribuito tanto a farmi crescere come persona, responsabilizzandomi e spronandomi a dare sempre il massimo, anche fuori dal campo». 

Adesso il tuo quartier generale è a Foligno, ma in verità sei tutto l’anno, in giro per il mondo. Com’è questa vita sempre in viaggio?

«Da fuori può sembrare una vita affascinante ma è davvero faticoso spostarsi da un paese all’altro, abituarsi e adattarsi a nuovi contesti, sia in termini di alloggi che di campi da gioco. Quest’anno sono rimbalzato a inizio anno dall’Egitto, dove per due volte mi sono recato a Il Cairo, all’India, dove mi sono fermato per circa un mese; per poi fare un «tour» in Europa passando per la Danimarca, il Belgio, il Montenegro e l’Ucraina. Senza contare i tornei a cui ho partecipato da Fermignano a Rapallo. Adesso sto preparando le valigie per andare in Turchia dove rimarrò per almeno due-tre settimane».

A un certo punto però si torna a casa in quel di Cortona.

»Ogni volta, tornare è una vera e propria boccata di ossigeno, un riposo non solo fisico ma anche mentale. Sono legatissimo a questa terra e qui, oltre alla mia famiglia, ho i miei amici d’infanzia. Oltretutto proprio tra il tennis club Cortona – ecco, qui non ho mai perso una partita! – il Giotto e il Blue Team di Arezzo è iniziata la mia carriera, passando anche da Sinalunga e Castiglion Fiorentino».

Com’è la giornata tipo di un tennista professionista?

«Vivo qui a Foligno con altri ragazzi che giocano con me alla tennis Training School. Ogni giorno ci svegliamo alle 7, alle 9 si inizia con una preparazione atletica, incentrata vuoi sulla resistenza vuoi sulla forza, poi due ore di tennis fino pranzo e, di nuovo, un altro allenamento nel pomeriggio. Sabato per fortuna solo mattina! Inoltre ognuno di noi ha nutrizionista e segue una dieta ad hoc. 

Tra Sinner, astro nascente per eccellenza, e la finale Wimbledon con Berrettini, quale futuro per il tennis nel belpaese? 

«Penso che sia un avvenire roseo, ci sono molti ragazzi giovani, 2002-2003, qualche postazione indietro che giocano molto bene: Musetti è uno tra questi. Berrettini ormai è stabilmente tra i primi 10 ed è sicuramente il giocatore italiano più forte. Ma Sinner è sicuramente colui che ha più ampi margini e che può diventare veramente tra i primi 5». 

Ma è vero che voi tennisti snobbate il padel?

Risata sotto i baffi «Sicuramente per chi prende in mano una racchetta per la prima volta, o comunque sia ha poca dimestichezza, il Padel risulta più approcciabile e più divertente. Un po’, sì, lo snobbiamo ma devo dire che molti tennisti originari poi si sono dati al padel, anche con ottimo risultati. A me piace molto giocarci!»: 

Il tennis viene visto come un sport da ricchi, molti ragazzi vorrebbero giocare ma si trovano davanti alcuni costi che non sono sostenibili per molti. Non è uno sport per tutti?

Senza dubbio bisogna stare bene economicamente, oltretutto è uno sport individuale, quindi più esoso in partenza; niente a che vedere con le tariffe di chi gioca a calcio, ad esempio. Pensiamo al costo di una racchetta o quello necessario per cambiare regolarmente le corde. Sarebbe bello se ci fossero degli incentivi anche perchè, nonostante si possano spalmare le spese in allenamenti di gruppo i costi rimangono comunque esosirispetto ad altre attività. Gli aiuti dalla Federazione arrivano soltanto ad alti livelli.

Luca Amodio

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
MACCHINA A FUOCO

Macchina a fuoco nella zona industriale di San Zeno. Nessuna persona coinvolta secondo quanto si apprende. La dinamica è ancora da ricostruire. Sul posto i vigili del fuoco. È successo verso le 18:45. 

in aggiornamento

MACCHINA A FUOCO

Macchina a fuoco nella zona industriale di San Zeno. Nessuna persona coinvolta secondo quanto si apprende. La dinamica è ancora da ricostruire. Sul posto i vigili del fuoco. È successo verso le 18:45.

in aggiornamento
... See MoreSee Less

🔴AUTO SI RIBALTA, UNA PERSONA SBALZATA FUORI

Incidente lungo la A1. Auto si ribalta e una persona viene sbalzata fuori. In tre al pronto soccorso in codice rosso 

Alle  ore 16.23 nellautostrada A1 direzione nord al km 282, tra uscite Valdichiana e Monte San Savino si è verificato un incidente con unauto che si è ribaltata. Coinvolte tre persone di cui una sbalzato fuori dallauto. 
Sul posto ambulanza della Croce Verde di  Chianciano Terme, ambulanza della Pubblica Assistenza di Foiano della Chiana  e della Misericordia di Lucignano. 
Tutti e 3 i pazienti (un uomo di 63 anni e due donne, una di 84 e una di 63)  sono stati trasportati presso ospedale Le Scotte di Siena in codice rosso

Immagine di repertorio

🔴AUTO SI RIBALTA, UNA PERSONA SBALZATA FUORI

Incidente lungo la A1. Auto si ribalta e una persona viene sbalzata fuori. In tre al pronto soccorso in codice rosso

Alle ore 16.23 nell'autostrada A1 direzione nord al km 282, tra uscite Valdichiana e Monte San Savino si è verificato un incidente con un'auto che si è ribaltata. Coinvolte tre persone di cui una sbalzato fuori dall'auto.
Sul posto ambulanza della Croce Verde di Chianciano Terme, ambulanza della Pubblica Assistenza di Foiano della Chiana e della Misericordia di Lucignano.
Tutti e 3 i pazienti (un uomo di 63 anni e due donne, una di 84 e una di 63) sono stati trasportati presso ospedale Le Scotte di Siena in codice rosso

Immagine di repertorio
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Sono 2 in una settimana fra chiusi ed Arezzo

Dio aiuta

Velocità distanza di sicurezza e cellulare. La gente deve lavorare su se stessa.

Sempre quel tratto

La Polizia un c'è mai .....

View more comments

CASA A FUOCO, AL PRONTO SOCCORSO 81ENNE

Alle  ore 17 in una abitazione a Sansepolcro in via Agio Torto si è verificato un incendio, per cause in via di accertamento, che ha coinvolto una persona, una donna di 81 anni.
La paziente è stata trasportata in codice giallo allospedale della Valtiberina. 
Sul posto Auto infermierizzata di Sansepolcro, ambulanza della misericordia di  Sansepolcro, Vigili del Fuoco e carabinieri.

Immagine di repertorio

CASA A FUOCO, AL PRONTO SOCCORSO 81ENNE

Alle ore 17 in una abitazione a Sansepolcro in via Agio Torto si è verificato un incendio, per cause in via di accertamento, che ha coinvolto una persona, una donna di 81 anni.
La paziente è stata trasportata in codice giallo all'ospedale della Valtiberina.
Sul posto Auto infermierizzata di Sansepolcro, ambulanza della misericordia di Sansepolcro, Vigili del Fuoco e carabinieri.

Immagine di repertorio
... See MoreSee Less

TRAGEDIA SUL GRAN SASSO, PERDE LA VITA UN ARETINO 

Fine settimana terminato in tragedia sul Gran Sasso, due alpinisti perdono la vita. Uno di loro, Marco Paccosi, 42 anni, di Sansepolcro. 

https://www.sr71.it/2022/09/25/tragedia-sul-gran-sasso-perde-la-vita-un-aretino/

TRAGEDIA SUL GRAN SASSO, PERDE LA VITA UN ARETINO

Fine settimana terminato in tragedia sul Gran Sasso, due alpinisti perdono la vita. Uno di loro, Marco Paccosi, 42 anni, di Sansepolcro.

www.sr71.it/2022/09/25/tragedia-sul-gran-sasso-perde-la-vita-un-aretino/
... See MoreSee Less

IL GIORNO DOPO L’ACQUAZZONE

IL GIORNO DOPO L’ACQUAZZONE

💦La situazione al ponte di Cesa, a Marciano, dove si è alzato decisamente il livello dell'acqua a seguito delle forti precipitazioni.

Video realizzato da Graziano Ciofi con il suo drone
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Con quanto spendiamo per pulire i fiumi siamo a questo punto? Con 4 gocce d acqua ,rimanderei a scuola questi ingegneri

Il fiume ESSE a camucia è piena di canne ed erbacce se capita qualcosa voglio sentire cosa dicono .

Finalmente un po' di acqua era mesi che era a secco

Niente di che

Tutta quell'acqua proviene dall'esse , alle chianacce la chiana è come sempre , mentre l'esse è bello pieno !

Bene tenere monitorato , ma dalle immagini non mi sembra preoccupante

Forti le riprese col drone !Avanti!!!

Ci sono alberi ancora in piedi in mezzo al fiume

Grazie hai lavori fatti bene che durano anni e anni ancora.

Di solito quando piove i fiumi si ingrossano

Che belle le nostre campagne.

View more comments

🔴 INCIDENTE SULL’A1, DUE DECESSI

Tragedia sull’A1, incidente mortale nel tratto autostradale direzione sud nel comune di Chiusi. Perdono la vita due americani. 

I Vigili del fuoco del comando di Siena, distaccamento di Montepulciano, sono intervenuti alle ore 12:20 nel tratto autostradale A1 al km 409+250 direzione sud nel comune di Chiusi, per un incidente stradale avvenuto tra un mezzo pesante ed una autovettura.

I Vigili del fuoco hanno estratto dallabiracolo e affidato al medico del 118 che purtroppo ha constatato il decesso di 2 persone rispettivamente una di sesso maschile e una di sesso femminile di nazionalità statunitense quali occupanti la vettura. 
Carreggiata chiusa al traffico per il tempo necessario alle operazioni di soccorso. Sul posto Polizia Stradale e personale della società autostrade sul posto.

🔴 INCIDENTE SULL’A1, DUE DECESSI

Tragedia sull’A1, incidente mortale nel tratto autostradale direzione sud nel comune di Chiusi. Perdono la vita due americani.

I Vigili del fuoco del comando di Siena, distaccamento di Montepulciano, sono intervenuti alle ore 12:20 nel tratto autostradale A1 al km 409+250 direzione sud nel comune di Chiusi, per un incidente stradale avvenuto tra un mezzo pesante ed una autovettura.

I Vigili del fuoco hanno estratto dall'abiracolo e affidato al medico del 118 che purtroppo ha constatato il decesso di 2 persone rispettivamente una di sesso maschile e una di sesso femminile di nazionalità statunitense quali occupanti la vettura.
Carreggiata chiusa al traffico per il tempo necessario alle operazioni di soccorso. Sul posto Polizia Stradale e personale della società autostrade sul posto.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

🙏😪🌈.r.i.p

Che sciagura, mi dispiace molto. Riposino in pace .

R.I.P.

R.i.p

Riposino in pace

😢

View more comments

Load more