fbpx

Così mi vedo / così mi racconto, al via il festival realizzato dagli studenti dell’Istituto “Rita Levi-Montalcini”

Estate al mare, in città o al telefonino? Il festival Officine Social Movie non ha dubbi: dovunque sia l’estate non potremo fare a meno del telefonino, studenti compresi. Soprattutto durante il mese di agosto con l’inizio della scuola alle porte, i libri da acquistare, gli amici da risentire, la lista degli obiettivi da raggiungere da rispolverare. Meglio farne dunque un buon uso grazie anche a progetti virtuosi come “Così mi vedo / così mi racconto” realizzato nel recente anno scolastico dagli studenti dell’Istituto Comprensivo “Rita Levi-Montalcini” di Lucignano in partenariato con il Comune di Lucignano, Officine della Cultura e l’associazione livornese 8mmezzo.

È a partire da questo punto di vista che da mercoledì 11 agosto a lunedì 30 agosto, per 3 settimane, in attesa dell’inizio dell’anno scolastico 2021/22, a giorno alterni la pagina Facebook del noto festival Officine Social Movie presenterà uno dei cortometraggi del progetto che ha coinvolto circa ottanta tra studentesse e studenti delle classi prime, seconde e terze della scuola secondaria di primo grado dell’istituto della Val di Chiana, in un laboratorio di scrittura del sé attraverso il linguaggio audiovisivo. Primo appuntamento mercoledì 11 agosto con “Il sogno dello spazio”; secondo appuntamento venerdì 13 agosto con “Una giornata da ricordare”. I cortometraggi saranno visibili dalle ore 12:00.

Così racconta il progetto la dirigente Nicoletta Bellugi: «Gli alunni di Lucignano e Marciano della Chiana sono stati chiamati non solo a raccontarsi, ma anche ad impugnare smartphone e tablet per mostrare il mondo visto attraverso il loro personale punto di vista. Contrariamente ai toni spesso allarmistici che in molti casi accompagnano il dibattito sull’uso delle nuove tecnologie da parte delle giovani generazioni e coerentemente con le più recenti ricerche che sempre più spesso sottolineano la neutralità del mezzo in luogo di un maggior rilievo dato dall’uso che di essi viene fatto, ho deciso di accettare la sfida con un progetto che oltre allo sviluppo dei processi narrativi e rappresentativi del sé mirasse ad educare i ragazzi ad un uso consapevole e virtuoso dei mobile devices».

Importante il cambio di rotta segnalato dalla dirigente che ha portato all’incontro con il festival Officine Social Movie. Se infatti solitamente il mondo del web e le modalità rappresentative legate al selfie stanno abituando le nuove generazioni ad un racconto del soggetto ritratto in primo piano, circondato da una realtà “da rivista”, patinata, quasi sempre perfetta, gli studenti, sotto la guida dei docenti e degli esperti coinvolti nel progetto, sono invece stati invitati a recuperare un modo più “antico” di raccontarsi, legato sotto alcuni aspetti alle più tradizionali pagine del diario, a ruotare dunque l’obiettivo del proprio smartphone e, attraverso l’assunzione di uno sguardo “in soggettiva”, a prediligere la costruzione di una narrazione che ponesse al centro non tanto la loro immagine riflessa, quanto il loro personale punto di vista.

«Il telefonino non va in vacanza ma possiamo non esserne schiavi», così Luca Roccia Baldini, direttore artistico di Officine Social Movie e di Officine della Cultura, cooperativa che ha dato vita al festival insieme a Orchestra Multietnica di Arezzo. «Possiamo renderlo il mezzo e lo strumento per dare voce ai pensieri, ai sogni, alle grandi urgenze che ogni generazione porta con sé. Sviluppando, anche in ambito scolastico, quei temi importanti che rappresentano l’etica e il futuro della nostra società: la solidarietà, l’accoglienza, l’inclusione sociale, la valorizzazione della diversità culturale, il rispetto dei diritti».

Ad agosto, anche sotto l’ombrellone, grazie al proprio telefonino sarà dunque facile fare spazio ai dieci cortometraggi attraverso i quali gli studenti impegnati nel progetto sono riusciti a rendere visibile ciò che solitamente non è, creando un racconto fatto di immagini, parole e suoni dei loro desideri, dei loro sogni e delle loro passioni. Racconti forse non sempre perfetti, ma capaci di mostrare come proprio attraverso le imperfezioni di ciascuno di noi possa prendere forma la nostra unicità.

Il progetto “Così mi vedo / così mi racconto” presentato dall’Istituto Comprensivo “Rita Levi-Montalcini” di Lucignano è nato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”, in partenariato con il Comune di Lucignano, la cooperativa aretina Officine della Cultura e l’associazione livornese 8mmezzo. Nel suo sviluppo ha potuto stringere collaborazioni con importanti realtà quali l’Archivio Storico Luce e Costa Edutainment – Aquario di Genova. Ulteriori informazioni visitando la pagina del progetto: www.cosimivedocosimiracconto.it.

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
AREZZO: MINORE IN COMA ETILICO SOCCORSO NELLA NOTTE
È successo nei pressi di piazza San Domenico 👇🏻

https://www.sr71.it/2022/10/02/arezzo-minore-in-coma-etilico-soccorso-nella-notte-lallarme-dagli-amici/

AREZZO: MINORE IN COMA ETILICO SOCCORSO NELLA NOTTE
È successo nei pressi di piazza San Domenico 👇🏻

www.sr71.it/2022/10/02/arezzo-minore-in-coma-etilico-soccorso-nella-notte-lallarme-dagli-amici/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ma i genitori dove sono finiti? Possibile che questi ragazzi siano lasciati così liberi ? ......non si può lasciare specialmente un minorenne libero così senza controllo . Un genitore deve controllare quello che fa suo figlio o figlia è un suo dovere , non si può dare tutta questa libertà ,ci vogliono regole da rispettare da ambedue due le parti .

Io spero che si riprenda velocemente e non ci ricaschi. Roberto Pastonchi lei ha figli o nipoti? Se li ha le auguro che non gli succeda. Buonagiornata

Che schifo di mondo

Chi glielo ha venduto? locale da chiudere

😓🥺

View more comments

CONSIGLI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

CONSIGLI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

🥕🥩 "Zero Spreco” dalla parte dei consumi intelligenti, anche in cucina, e dell’impegno sociale al servizio di e ragazzi. Anche Aisa Impianti s.p.a si è unita a infatti a “COLORArte, sinergie arte e riuso 2022”, l'iniziativa di ToscanAbile, associazione per ragazzi con disabilità che ha scelto l’arte e la bellezza come mezzo di incontro, partecipazione e inclusione.

🎤 le interviste a Barbara Lapini, nutrizionista, e Salvatore Mauro presidente di Toscana Abile onlus
... See MoreSee Less

MALTEMPO, GIANI CHIAMA AGNELLI

Quasi 600 mila euro, per la precisione 580 mila euro, è il totale quantificato dei danni occorsi dopo il maltempo dello scorso 15 settembre. Nello specifico si tratta di 350 mila euro a immobili privati e di 230 mila a beni di proprietà pubbliche. 

Il comune di Castiglion Fiorentino ha chiesto alla Regione Toscana lo stato di Emergenza per gli eventi meteorologici dello scorso 15 settembre. 

https://www.sr71.it/2022/10/01/maltempo-giani-chiam-agnelli-il-comune-chiede-lo-stato-di-emergenza-per-gli-eventi-dello-scorso-15-settembre/

MALTEMPO, GIANI CHIAMA AGNELLI

Quasi 600 mila euro, per la precisione 580 mila euro, è il totale quantificato dei danni occorsi dopo il maltempo dello scorso 15 settembre. Nello specifico si tratta di 350 mila euro a immobili privati e di 230 mila a beni di proprietà pubbliche.

Il comune di Castiglion Fiorentino ha chiesto alla Regione Toscana lo stato di Emergenza per gli eventi meteorologici dello scorso 15 settembre.

www.sr71.it/2022/10/01/maltempo-giani-chiam-agnelli-il-comune-chiede-lo-stato-di-emergenza-per-gl...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ora paga Salvini che problemi ci sono.

x come si occupano del territorio gli enti addetti e successo poco, adesso chiedete la calamità alla regione, dovrebbero essere i cittadini a prendere i responsabili a calci nel culo visto che si mangiano tutti i nostri soldi

Avevi a usarli bene prima invece di intascarli ladro

CORTONA IN PIAZZA A SOSTEGNO DELLE DONNE IRANIANE

Cortona scende in piazza a sostegno delle donne e del popolo Iraniano.

📹 le immagini della manifestazione in piazza del comune a Cortona

🎤le parole di Mina Azmoodeh, iraniana residente a Cortona dal 2015
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Donna vita libertà

Donna vita libertà

✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻✊🏻

Bellissima iniziativa e pieno sostegno alle donne di tutto il mondo.... L'unica cosa che però Andrebbe spiegata a questa ragazza è che in questo caso il fascismo c'entra come i cavoli a merenda..... Il problema è religioso e non politico.....

View more comments

MASCHERINE NON PIÙ OBBLIGATORIE SUI MEZZI PUBBLICI 

Da oggi decade l’obbligo per l’uso delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, treni, bus, metro, traghetti e aerei. Rimane l’obbligo, fino al 31 ottobre, per lavoratorio, utenti e visitatori per accedere a strutture sanitarie, RSA, strutture socio sanitarie e residenze per anziani.

MASCHERINE NON PIÙ OBBLIGATORIE SUI MEZZI PUBBLICI

Da oggi decade l’obbligo per l’uso delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, treni, bus, metro, traghetti e aerei. Rimane l’obbligo, fino al 31 ottobre, per lavoratorio, utenti e visitatori per accedere a strutture sanitarie, RSA, strutture socio sanitarie e residenze per anziani.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Una gran c...a

BENTORNATA SINDACA!

🇮🇹Marciano della Chiana, dopo lunga assenza il Sindaco Maria De Palma sarà presente al prossimo consiglio comunale 👇

https://www.sr71.it/2022/09/30/marciano-della-chiana-dopo-lunga-assenza-il-sindaco-maria-de-palma-torna-sul-ponte-di-comando/

BENTORNATA SINDACA!

🇮🇹Marciano della Chiana, dopo lunga assenza il Sindaco Maria De Palma sarà presente al prossimo consiglio comunale 👇

www.sr71.it/2022/09/30/marciano-della-chiana-dopo-lunga-assenza-il-sindaco-maria-de-palma-torna-s...
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Un abbraccio Maria!!!

Un forte abbraccio Maria!!😘

Bentornata 🍀🍀

Bentornata ❤️😘

Bentornata 😘

Bentornata

Bentornata sindaca

Io direi, bentornata sindaca

👏👏👏👏

👏👏👏👏

Ciao, scusa per questo modo di contattarmi, ho appena visto il tuo profilo e ho pensato che tu fossi la persona di cui avevo bisogno. In breve, mi chiamo Marie Stella, sono di origine olandese e vivo in Francia. Soffro di una grave malattia che mi sta condannando a morte certa, è un cancro alla gola e ho una somma di 500.000 euro che vorrei donare a una persona affidabile e onesta per farne buon uso. Possiedo un'attività di importazione di petrolio rosso in Francia e ho perso mio marito 6 anni fa, il che mi ha colpito duramente e non ho potuto risposare fino ad oggi, non avevo figli. Vorrei fare una donazione di questo importo prima di morire in modo che i miei giorni siano contati perché non ho una cura per questa malattia, ma un tranquillante in Francia non vuole sapere se puoi beneficiare di questa donazione. Ecco il mio numero WhatsApp: +40 752 627 234 Dio ti benedica 🙏🙏🙏🙏

View more comments

Load more