fbpx

Segregata in casa dai genitori. Ventenne scrive ai carabinieri e confessa le sofferenze

Nel segno della “Rinascita” di cui è ricco di significato, l’appena decorso weekend pasquale ha visto disvelarsi in Valdarno una storia di profonda sofferenza, cui i Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno sono riusciti a dare un lieto fine, regalando alla parte offesa – una giovane immigrata da qualche anno residente in Valdarno – la possibilità di una rinascita appunto, di un nuovo inizio.
Una storia angosciosa di solitudine, segregazione e isolamento. Tutto è iniziato con l’inoltro di una richiesta di aiuto pervenuta ai Carabinieri via e-mail. L’autore dello scritto – in tutto 4-5 righe buttate giù frettolosamente – si presentava come una ragazza pakistana, reclusa in casa dai propri familiari per impedirle di frequentare il proprio fidanzato. Agghiaccianti le battute finali, dove la donna precisava che, laddove non si fosse decisa ad interrompere la relazione sentimentale, i suoi parenti erano pronti a riportarla con la forza nel Paese d’origine, o in alternativa, ad usare la violenza nei confronti suoi e del fidanzato, sino addirittura a minacciarli di morte.
Capite la gravità e l’urgenza della situazione, i Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno sono immediatamente entrati in azione. Nel volgere di pochi frangenti, il Nucleo Operativo e le Stazioni Carabinieri hanno passato al setaccio gli archivi e le anagrafi dei comuni del Valdarno, per riuscire a risalire all’identità esatta dell’autrice della richiesta d’aiuto.
Nel volgere di poche ore, i Carabinieri sono riusciti ad identificarla completamente, e a riscontrare l’indirizzo ove abitava, appurando anche che le problematiche della famiglia erano, almeno in parte, già seguite anche dai servizi sociali. A quel punto, senza perdere tempo, i Carabinieri sono subito andati presso l’abitazione della donna, e, adducendo un motivo pretestuoso per non far insorgere sospetti nei familiari, hanno accompagnato la ragazza presso la Stazione Carabinieri della cittadina valdarnese. Una volta giunta al sicuro presso gli uffici dell’Arma, è bastato uno sguardo tra i Carabinieri operanti e la ragazza, e quest’ultima – una ragazza di circa 20anni originaria del Pakistan – è diventata un fiume in piena. In un misto di commozione e gratitudine verso gli uomini e le donne dell’Arma che l’avevano strappata al suo incubo, ha immediatamente confermato di essere lei l’autrice della mail, ed ha iniziato a raccontare i dettagli della sua storia. Da poco meno di un anno frequentava un ragazzo indiano, poco più grande di lei. Tutto era andato bene fino al momento in cui la famiglia della ragazza aveva appreso di questa relazione, disapprovandola nel modo più assoluto a causa della diversa fede religiosa dei due giovani: musulmana lei, indù lui. A quel punto si è manifestata la netta opposizione dei familiari, che hanno segregato la giovane in casa, privandola del telefono cellulare e dei documenti d’identità, consentendole di uscire solo laddove assolutamente necessario, e solo accompagnata dai fratelli maschi, al fine di accertarsi che non incontrasse più il fidanzato. La ragazza però non si è arresa e, fiduciosa di trovare comprensione nella famiglia, ha continuato a ribadire la ferma intenzione di proseguire la relazione col giovane indiano. Così facendo, però, non sapeva di accendere ancor più il risentimento nutrito dai familiari, assolutamente indisponibili ad approvare la relazione, al punto di giungere a minacciare esplicitamente di uccidere sia lei che il fidanzato. A quel punto, incapace di scorgere altre soluzioni, la ragazza ha maturato la decisione di rivolgersi ai Carabinieri. Non era però facile, atteso che, privata del telefono, non aveva la possibilità di effettuare telefonate, e che quelle rare volte che le era consentito di uscire era sempre “scortata” dai familiari. Stava quasi per abbandonare il proposito, quando ha trovato una possibile soluzione: approfittando dei momenti in cui la famiglia le lasciava utilizzare il computer per la didattica a distanza, ha creato una casella di posta elettronica ed ha contattato, proprio via e-mail, i Carabinieri, il cui tempestivo intervento ha fatto così emergere questa incredibile vicenda.
La ragazza al momento è al sicuro, ed è stata affidata ad un centro antiviolenza. Sono in corso da parte dei Carabinieri ulteriori indagini per approfondire i contorni della vicenda, e definire con esattezza le responsabilità dei singoli familiari.

Nuovi casi quotidiani

Nuovi casi settimanali

Ricoverati Covid San Donato

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
1 hour ago

COVID19, 68 NUOVI CONTAGI IN PROVINCIA: 22 AD AREZZO E 13 IN VALDICHIANA. MORTO UN 73ENNE

www.sr71.it/2021/04/23/covid19-report-68-2/
... See MoreSee Less

COVID19, 68 NUOVI CONTAGI IN PROVINCIA: 22 AD AREZZO E 13 IN VALDICHIANA. MORTO UN 73ENNE

https://www.sr71.it/2021/04/23/covid19-report-68-2/
2 hours ago

DA LUNEDÌ TORNIAMO IN ZONA GIALLA, LA TOSCANA FRA LE REGIONI CHE POTRANNO EFFETTUARE LE APERTURE PREVISTE

🟡 l'ultimo giorno in questa fascia risale al 12 febbraio
🏫 il decreto in vigore da lunedì prevede alcune novità:
🚘 possibilità di spostarsi in altre regioni gialle
🚫 resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5
📚 scuole tutte in presenza fino alle Medie, Superiori almeno al 50% in presenza
🍽 bar e ristoranti possono servire ai tavoli esterni
🎭 riaprono i teatri e i musei, possibili spettacoli all’aperto
⚽️ consentiti all’aperto anche gli sport di contatto
... See MoreSee Less

DA LUNEDÌ TORNIAMO IN ZONA GIALLA, LA TOSCANA FRA LE REGIONI CHE POTRANNO EFFETTUARE LE APERTURE PREVISTE

🟡 lultimo giorno in questa fascia risale al 12 febbraio 
🏫 il decreto in vigore da lunedì prevede alcune novità:
🚘 possibilità di spostarsi in altre regioni gialle
🚫 resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5
📚 scuole tutte in presenza fino alle Medie, Superiori almeno al 50% in presenza 
🍽 bar e ristoranti possono servire ai tavoli esterni
🎭 riaprono i teatri e i musei, possibili spettacoli all’aperto 
⚽️ consentiti all’aperto anche gli sport di contatto

Comment on Facebook

Le prese x il culo previste da un governo di incapaci e disonesti, che con la scusa della pandemia si pienano le tasche.

Ne riparliamo dal 15 a fine maggio

#uncecredo

Dai su coraggio a tornare rossi si fa sempre in tempo

View more comments

3 hours ago

PRESENTAZIONE RETE ESCURSIONISTICA MONTAGNA CORTONESE

Nel servizio di Martina Concordi le interviste al sindaco di #cortona Luciano Meoni, alle guide Silvia Vecchini e Beatrice Milani, all’architetta Silvia Neri e all’assessore al #turismo Comune di Cortona Francesco Attesti

www.sr71.it/2021/04/23/rete-escursionistica-montagna-cortonese/
... See MoreSee Less

7 hours ago

AREZZO, STOP ALLE ASTE AL RIBASSO A DANNO DEGLI AGRICOLTORI

Il plauso di Coldiretti www.sr71.it/2021/04/22/stop-aste-ribasso-agricoltori-coldiretti/
... See MoreSee Less

AREZZO, STOP ALLE ASTE AL RIBASSO A DANNO DEGLI AGRICOLTORI 

Il plauso di Coldiretti Arezzo https://www.sr71.it/2021/04/22/stop-aste-ribasso-agricoltori-coldiretti/

Comment on Facebook

Era ora,basta favorire la grande distribuzione!!!

10 hours ago

OSPEDALE SAN DONATO, DOMANI RIAPRE IL BAR

Domani mattina riprenderà regolarmente la sua attività il bar dell’ospedale San Donato, chiuso ieri e oggi a causa di un caso positivo tra i dipendenti. I locali sono stati sanificati e tutti i dipendenti hanno avuto esito negativo del tampone al quale sono stati sottoposti.

(Foto di repertorio)
... See MoreSee Less

OSPEDALE SAN DONATO, DOMANI RIAPRE IL BAR

Domani mattina riprenderà regolarmente la sua attività il bar dell’ospedale San Donato, chiuso ieri e oggi a causa di un caso positivo tra i dipendenti. I locali sono stati sanificati e tutti i dipendenti hanno avuto esito negativo del tampone al quale sono stati sottoposti.

(Foto di repertorio)

Comment on Facebook

Nervosette, eh?

Non capisco tutto questo accanimento, ho fatto una semplice domanda, perché così se risuccedesse a me saprei come comportarmi, grazie per le delucidazioni.

Ma le quarantene per aver avuto contatti con positivi non esistono più?

Anche alla fratta riapre

Load more