fbpx

Ecco “I Granai” di Bonifiche Ferraresi, la soddisfazione della Banca Popolare di Cortona

Si è tenuta oggi a Santa Caterina nel comune di Cortona l’inaugurazione del nuovo centro direzionale e produttivo “I Granai”, di Bonifiche Ferraresi.
Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato l’assessore alle Attività produttive della Regione Toscana Stefano Ciuffo, il vice sindaco di Cortona, Tania Salvi, il sindaco di Castiglion Fiorentino, Mario Agnelli, i vertici di Bonifiche Ferraresi, come la presidente Rossella Locatelli e l’A.D. Federico Vecchioni. Presenti anche i vertici di Banca Popolare di Cortona con il presidente Giulio Burbi e il direttore generale Roberto Calzini, guarda l’intervista

Il Centro nasce dalla ristrutturazione della prima delle leopoldine di proprietà di Bonifiche Ferraresi in Valdichiana. L’intervento di restauro conservativo, durato circa 18 mesi, ha visto il totale recupero dello stabile attraverso la creazione di locali da destinare agli uffici dell’azienda al primo piano della casa colonica, la realizzazione del nuovo polo di ricerca e lavorazione delle piante officinali e la creazione di uno spazio di accoglienza e degustazione dei prodotti dell’azienda.
Il restauro della Leopoldina si inserisce in modo complementare all’interno del più ampio progetto di conversione e diversificazione dell’azienda di Cortona. Il percorso, iniziato tre anni fa con un investimento di circa 9 milioni di euro, ha visto la trasformazione di quella che era una tradizionale azienda agricola cerealicola (produceva solo grano e girasoli) in un moderno hub agroindustriale che produce oltre 20 colture differenti. La prima delle opere che ha reso possibile la trasformazione è stata la creazione di un’imponente rete irrigua totalmente finanziata dalla società. L’infrastruttura ha reso l’azienda irrigua consentendo così la reintroduzione di coltivazioni della tradizione toscana ad lato valore aggiunto che non potevano altrimenti essere prodotte a causa della carenza idrica della zona.
Guarda il nostro tour della mattinata

“Quando penso che l’immobile in cui ci troviamo oggi rappresentava fino a un anno fa un monumento a una tradizione agricola ormai scomparsa e che oggi è uno dei centri nevralgici di un importante Gruppo agroindustriale, non posso che ritenere quanto il rilancio della più grande azienda agricola della Valdichiana rappresenti non solo un atto economico ma uno straordinario volano di benessere sociale, ambientale e culturale” – ha dichiarato Federico Vecchioni, Amministratore Delegato di BF spa.

In particolare, se Jolanda di Savoia rappresenta il centro per la produzione di tutta la filiera risicola di Bonifiche Ferraresi, e Bonifiche Sarde rappresenta la più grande azienda biologica italiana (circa 1000 ettari dedicati), Cortona con i suoi 1500 ettari, è oggi il centro per la produzione di erbe officinali, dei legumi, delle orticole e dell’olivicoltura intensiva.

Per quanto riguarda le erbe officinali, Bonifiche Ferraresi può vantare una superficie dedicata a Cortona di circa 20 ettari (su un suo complessivo di oltre 50 ettari), un laboratorio di circa 300 metri quadrati per l’analisi qualitativa del prodotto e un centro lavorazioni e imbustamento delle tisane situati all’interno della nuova sede de I Granai: una filiera controllata direttamente, totalmente tracciata dal genoma allo scaffale, che ha permesso a Bonifiche Ferraresi di arrivare nella GDO con una linea di tisane 100% Made in Italy. Grazie alla produzione di erbe officinali, l’azienda ha potuto inserirsi, con Le Stagioni d’Italia, all’interno di un segmento di mercato molto promettente, ad alto valore aggiunto e che dal 2014 registra interessanti percentuali di incremento annuo nei volumi delle vendite.

Molto significativo è il processo di potenziamento della filiera dei legumi. L’azienda ha reintrodotto colture della tradizione toscana quali ceci, fagioli, piselli, lenticchie ecc. A tal proposito, in un solo anno, l’azienda è passata da 50 ettari a 190 ettari coltivati a legumi secchi, prodotti tipici che stanno facendo registrare ottime performance per quanto riguarda i volumi di vendite nella GDO: visto l’ampio apprezzamento avuto dai suoi fagiolini in busta, Le Stagioni d’Italia presenterà ai suoi consumatori altri prodotti tipici freschi toscani in busta quali ad esempio i borlotti e il cannellino.

La produzione di orticole, come abbiamo visto, vede l’azienda di Cortona come il centro principale di produzione: si è passati, sempre negli ultimi 12 mesi, da 200 quintali di patate a 400 quintali, e da 700 quintali di pomodoro a 1100 di oggi.

Il forte incremento della quantità e della qualità dei prodotti è certamente riconducibile alla metodologia di lavoro di Bonifiche Ferraresi: l’agricoltura di precisione (agricoltura 4.0), che vede Bonifiche Ferraresi tra i protagonisti in Europa, attraverso analisi costanti dei terreni, al monitoraggio della pianta attraverso droni e satelliti e alla pianificazione di ogni aspetto delle lavorazioni in campo, dimostra il suo positivo impatto per un’agricoltura che unisce la tradizione e l’innovazione al servizio della qualità del cibo.

“Generare valore per gli azionisti – ha proseguito Federico Vecchioni – è sempre più per Bonifiche Ferraresi conquistare nuove quote di mercato e a tal fine la produzione di beni e servizi realizzata in un contesto ambientale rispettoso dei parametri paesaggistici e della tradizione architettonica rappresenta la migliore garanzia di salubrità e qualità per il consumatore”

Di particolare interesse è il progetto che porterà nel 2019 la produzione diretta di miele da parte di Bonifiche Ferraresi e che verrà distribuito con il suo brand. Verranno infatti creati, su una superficie di 100 ettari, oggi adibiti a cassa d’espansione, dei prati polifiti caratterizzati dalla presenza della facelia, pianta tipica toscana di grande qualità per la produzione di nettare; prati della Valdichiana che, come all’inizio del Novecento, vedranno il ritorno delle tipiche arnie.

“Il Progetto Toscana dimostra quanto oggi l’agroindustria è uno dei settori più dinamici della nostra economia. Per questo motivo, le figure professionali ad essa legate stanno acquisendo sempre maggiori conoscenze e competenze multidisciplinari – ha concluso Federico Vecchioni – A dimostrazione di questo, a Cortona l’occupazione è passata in circa 3 anni da una decina di lavoratori a oltre cinquanta di oggi, e continueranno a crescere. Consapevole di questa evoluzione Bonifiche Ferraresi è tra i partner dei principali progetti di formazione a livello nazionale e regionale, come dimostra il corso post diploma Farmer 4.0 avviato dall’ITS EAT di Grosseto con la collaborazione dell’Istituto Vegni di Cortona e la presenza nel corpo docenti dei tecnici agronomi della nostra azienda e che ha visto alcuni dei partecipanti impegnati in periodi di tirocinio nelle nostre sedi”

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
STAGIONE AL MARIO SPINA

FUORI I NOMI DELLA PROSSIMA STAGIONE TEATRALE, SI INIZIA CON BENNATO

🎭 Dal 26 Ottobre al 28 Aprile, otto titoli in Cartellone. Si comincia con Edoardo Bennato 👇

www.sr71.it/2022/10/03/al-via-la-stagione-al-teatro-mario-spina-di-castiglion-fiorentino-ecco-tut...

Comune di Castiglion Fiorentino
Mario Agnelli Sindaco
Massimiliano Lachi
Kilowatt Festival
Teatro Comunale Mario Spina
... See MoreSee Less

185 PERSONE E 74 VEICOLI CONTROLLATI: DROGA, ALCOL E ARMI

 🔴Nel corso dello scorso fine settimana, la Compagnia Carabinieri di Arezzo ha svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto alla microcriminalità in genere e alla prevenzione dei reati connessi alla guida in stato di ebrezza oltre che all’uso di sostanze stupefacenti.
Nel corso del servizio sono state denunciate 8 persone per vari reati ed elevate tre sanzioni amministrative per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche essendo il valore alcolemico riscontrato inferiore ai 0,80 g/litro.
Quattro sono state le persone controllate e deferite per guida in stato di ebbrezza alcolica, oltre ad una quinta persona deferita per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti (da metadone). Si tratta di persone eterogene, tutte di nazionalità italiana, tra i 18 e i 50 anni di età.
Nel corso del servizio due donne, entrambe conosciute alle forze dell’ordine perché annoverano precedenti di polizia, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato in concorso, in quanto sarebbero responsabili della sottrazione di alcuni utensili da un supermercato dopo averne rimosso i dispositivi antitaccheggio. La refurtiva è stata recuperata e restituita al direttore dell’esercizio commerciale.
Nel corso dei controlli un 58enne è stato deferito per porto di armi od oggetti atti ad offendere, in quanto trovato in possesso, in questo Parco Pionta di un coltello a serramanico di genere proibito che naturalmente è stato sottoposto a sequestro.
Qualche soggetto, trovato in possesso di piccole dosi di sostanza stupefacente, è stato segnalato alla Prefettura.
Durante il servizio sono stati eseguiti accertamenti complessivi su 74 veicoli e 185 persone, molte delle quali controllate a piedi.

185 PERSONE E 74 VEICOLI CONTROLLATI: DROGA, ALCOL E ARMI

🔴Nel corso dello scorso fine settimana, la Compagnia Carabinieri di Arezzo ha svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto alla microcriminalità in genere e alla prevenzione dei reati connessi alla guida in stato di ebrezza oltre che all’uso di sostanze stupefacenti.
Nel corso del servizio sono state denunciate 8 persone per vari reati ed elevate tre sanzioni amministrative per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche essendo il valore alcolemico riscontrato inferiore ai 0,80 g/litro.
Quattro sono state le persone controllate e deferite per guida in stato di ebbrezza alcolica, oltre ad una quinta persona deferita per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti (da metadone). Si tratta di persone eterogene, tutte di nazionalità italiana, tra i 18 e i 50 anni di età.
Nel corso del servizio due donne, entrambe conosciute alle forze dell’ordine perché annoverano precedenti di polizia, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato in concorso, in quanto sarebbero responsabili della sottrazione di alcuni utensili da un supermercato dopo averne rimosso i dispositivi antitaccheggio. La refurtiva è stata recuperata e restituita al direttore dell’esercizio commerciale.
Nel corso dei controlli un 58enne è stato deferito per porto di armi od oggetti atti ad offendere, in quanto trovato in possesso, in questo Parco Pionta di un coltello a serramanico di genere proibito che naturalmente è stato sottoposto a sequestro.
Qualche soggetto, trovato in possesso di piccole dosi di sostanza stupefacente, è stato segnalato alla Prefettura.
Durante il servizio sono stati eseguiti accertamenti complessivi su 74 veicoli e 185 persone, molte delle quali controllate a piedi.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Bravi ma tutti i giorni e le notti ci dovrebbero essere controlli a tappeto ,solo così si contrasta la delinquenza .

IL COMUNE DONA 8 DEFIBRILLATORI PORTATILI AI CACCIATORI

🐗Cortona, cacciatori cardioprotetti: il Comune dona otto defibrillatori. Venerdì 7 ottobre la consegna 👇

https://www.sr71.it/2022/10/03/cortona-cacciatori-cardioprotetti-il-comune-dona-otto-defibrillatori-venerdi-7-ottobre-la-consegna/

IL COMUNE DONA 8 DEFIBRILLATORI PORTATILI AI CACCIATORI

🐗Cortona, cacciatori cardioprotetti: il Comune dona otto defibrillatori. Venerdì 7 ottobre la consegna 👇

www.sr71.it/2022/10/03/cortona-cacciatori-cardioprotetti-il-comune-dona-otto-defibrillatori-vener...
... See MoreSee Less

ASSEMBRAMENTI PERICOLOSI ALLA FERMATA DEL BUS, ECCO LA SITUAZIONE

ASSEMBRAMENTI PERICOLOSI ALLA FERMATA DEL BUS, ECCO LA SITUAZIONE

🚍 fermate del Bus pericolose lungo la Sr71, all'incrocio con via adua. Chiesta la soppressione

🎤 le interviste a Marcellino Lunghini, comandante della polizia municipale di Castiglion Fiorentino, e a Chiara Cappelletti, assessore alla mobilità del Comune di Castiglion Fiorentino che dichiara “L’incolumità dei ragazzi prima di tutto, ciò significa anche che, come è stato chiesto e come si pretende da una buona gestione del servizio, sugli autobus debbano essere garantiti i posti per gli abbonati, non è accettabile che gli utenti debbano “inseguire” il mezzo”.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Una soluzione molto più semplice dì sopprimere la fermata è dare più corse.....dato che autolinee Toscane sono a conoscenza degli abbonamenti fatti.....E se là matematica non è un opinione,il risultato è presto fatto Totale ragazzi diviso i posti utili dì un bus = bus necessari. I ragazzi si accalcano a quella fermata per evitare di non tornare a casa i un orario decente..... costringendo noi genitori ad andare a prenderli a scuola.

Mette più autobus!!! I ragazzi si precipitano in quel punto per avere un posto!!! Sono stracolmi!!! Mancano i mezzi!!! Le scuole sono riaperte dal 15 settembre!!! Non ve ne siete ricordati!!! Mezzi insufficienti!!

Mancano i mezzi per riportarli a casa, si assembrano lì, per assicurarsi il posto, invece di prendere il pullman in piazza Garibaldi, dove, spesso, sono costretti a posti in piedi o addirittura a non poter salire, rimanendo a terra. Ma questo non viene riportato. Non si fa richiesta di qualche pullman in più, che potrebbe dar sicurezza, ai giovani, di trovare posto per il quale si paga un abbonamento...no... si toglie la fermata...si sposta.... Gli adulti risolvono così.

Ma perché non aumentare i bus? Sarebbe stato semplice. Adesso i ragazzi come fanno ad andare a scuola?

Il Progetto c era da tempo..... E voi che aspettate a risolvere questo grave problema????? Natale????? È una vita che è così la situazione 😡 buongiorno..... I trasporti sono sempre stati uno schifo. Risolvere il problema per il bene di tutti. Chiuso. Non è con la chiusura della fermata che si risolve. PIÙ CORSE. Geniale......

Indecente, I nostri amministratori devono Intervenire subito!

Pura pazzia!!!Strada pericolosissima, incroci,curva,cunetta senza visibilità,tutti i giorni c è da aspettarsi il morto!!!Poi c è il Covid.Per dei gruppi di ragazzi che non pensano ad altro che scappare da scuola , perché evidentemente la odiano come il veleno,si può scatenare una reazione a catena di contagi pericolosi per la popolazione.E'necessari che qualcuno faccia un ordine ferreo!!!

Aumentate i bussss.... Quella strada è pure molto pericolosa....

Bravi

Non potete far entrare i bus nella piazzetta davanti al negozio di elettrodomestici, così da togliere i ragazzi da lungo la statale ed aspettare la corriera nella piazzetta ?

È si giusto , invece di aumentare le corriere , si tolgono le fermate .....che geni che siete ! Bravi complimenti!!

Ma autolinee toscane è in grado di gestire questo servizio? Mi sa che si stava meglio prima

View more comments

🔴AGGREDITO CON UNA BOTTIGLIA, FINISCE AL PRONTO SOCCORSO  

Ecco cosa è successo:

https://www.sr71.it/2022/10/02/castiglion-fiorentino-aggredito-piena-notte-bottiglia-giovane-24enne-finisce-pronto-soccorso/

🔴AGGREDITO CON UNA BOTTIGLIA, FINISCE AL PRONTO SOCCORSO

Ecco cosa è successo:

www.sr71.it/2022/10/02/castiglion-fiorentino-aggredito-piena-notte-bottiglia-giovane-24enne-finis...
... See MoreSee Less

AREZZO: MINORE IN COMA ETILICO SOCCORSO NELLA NOTTE
È successo nei pressi di piazza San Domenico 👇🏻

https://www.sr71.it/2022/10/02/arezzo-minore-in-coma-etilico-soccorso-nella-notte-lallarme-dagli-amici/

AREZZO: MINORE IN COMA ETILICO SOCCORSO NELLA NOTTE
È successo nei pressi di piazza San Domenico 👇🏻

www.sr71.it/2022/10/02/arezzo-minore-in-coma-etilico-soccorso-nella-notte-lallarme-dagli-amici/
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Ma i genitori dove sono finiti? Possibile che questi ragazzi siano lasciati così liberi ? ......non si può lasciare specialmente un minorenne libero così senza controllo . Un genitore deve controllare quello che fa suo figlio o figlia è un suo dovere , non si può dare tutta questa libertà ,ci vogliono regole da rispettare da ambedue due le parti .

Io spero che si riprenda velocemente e non ci ricaschi. Roberto Pastonchi lei ha figli o nipoti? Se li ha le auguro che non gli succeda. Buonagiornata

Che schifo di mondo

Chi glielo ha venduto? locale da chiudere

😓🥺

View more comments

Load more