Zero spreco: una giornata intera per il riciclo. Domani l’evento

Mobilità alternativa, salute della pelle, prevenzione dello spreco alimentare, gare di cucina degli avanzi: sono questi gli argomenti del prossimo “Zero Spreco” che torna giovedì 31 maggio, presso l’impianto di recupero integrale di San Zeno, stavolta ampliando gli argomenti trattati, che spaziano dall’arte a temi medici e scientifici. Aisa Impianti ospiterà studenti, cittadini e professionisti per momenti di formazione, gare di cucina anti spreco, visite guidate nel cuore della centrale di recupero e molto altro ancora. Novità di questo appuntamento è l’estemporanea di pittura che si svolgerà per tutta la giornata e coinvolgerà artisti di tutta Italia intenti a rappresentare la realtà dell’architettura industriale.
I ragazzi delle scuole primarie e secondarie che hanno aderito all’iniziativa seguiranno vari moduli didattici in funzione dell’età e del percorso didattico a partire dalla vita delle api, che insegna ai più piccoli a comprendere come si organizza una società che non spreca nulla, fino ad arrivare a trattare i temi di raccolta differenziata e riduzione dello spreco con i ragazzi più grandi. Durante la mattinata ci sarà anche la consueta gara di cucina degli avanzi guidata dallo Chef Shady insieme ai ragazzi dell’istituto alberghiero A. Vegni. I ragazzi, divisi in squadre, si sfideranno per creare piatti originali utilizzando ciò che normalmente scartiamo degli alimenti, quindi cucina Zero Spreco. Una giuria composta da rappresentanti del territorio servito da Aisa Impianti premierà i migliori.
Nel pomeriggio continua la prevenzione allo spreco con lezioni di cucina sempre guidate dallo che Shady rivolte queste volta agli adulti.
Nel pomeriggio la formazione è rivolta agli adulti, tra cui i professionisti del settore sanitario e gli ingegneri con i quali verrà trattato il tema dell’inquinamento atmosferico relativamente all’effetto che esso provoca dal punto di vista sanitario e tecnico-ambientale, oltre ad individuare soluzioni concrete per la sua riduzione, come la mobilità elettrica.
In chiusura della giornata si terrà la tradizionale cena di solidarietà a favore di Telethon aperta a chiunque voglia dare un contributo per finanziare la ricerca sulle terapie di cura delle malattie genetiche rare.